Cosmo-Art e la coppia

Fiducia: il segreto delle relazioni felici

Allenarsi alla fiducia è il segreto per instaurare relazioni felici e durature. Nella relazione con l’altro, che è un universo diverso da noi, se abbiamo il progetto di crescere ed evolvere, siamo chiamati a trascenderci. Ovverosia ad aprire il cuore per accogliere la vulnerabilità nostra e altrui. L’incontro con l’altro a questo livello è una palestra straordinaria. Un’opportunità per comprendere a che punto siamo con le nostre resistenze consce e inconsce.

Nelle relazioni, soprattutto quelle significative, portiamo un personale bagaglio esistenziale. Un bagaglio colmo di esperienze proprie. Ovvero diversi opposti da unificare, gioie ma anche dolori, luci ed ombre. Attraverso la relazione con l’altro che ci fa da specchio abbiamo l’opportunità di vedere gli aspetti più spigolosi della nostra storia. Grazie alla forza dell’amore e del progetto di coppia possono emergere le parti di noi che faticano a maturare pienamente.

Il termine universo, inteso come altro da noi, ci fa ben intuire la portata del viaggio esistenziale. E’ necessario allenarsi per rendersi flessibili e reciprocamente raggiungibili. Bisogna iscriversi ad una palestra speciale e allenare quei muscoli che lo sono meno. Uno di questi è la fiducia che per non irrigidirsi ha bisogno di allenamento quotidiano.

Ostacoli alla fiducia

Irrigidirsi nelle proprie posizioni interiori è un atteggiamento di difesa. La rigidità e la diffidenza ci sembrano protettive ma producono l’effetto indesiderato di allontanarci anche dall’ascolto della nostra saggezza interiore.

RSS Feed - Istituto SolarisRimani aggiornato!

Come possiamo essere felici nella relazione con gli altri se non siamo in armonia con noi stessi? Amarsi, ascoltarsi nei bisogni profondi, coltivare sogni e progetti dovrebbe essere naturale e spontaneo e forse un tempo lo è stato. Siamo nati con molte potenzialità, siamo esseri unici e speciali, ma molto spesso lo dimentichiamo.

Ognuno ha il proprio elenco personale di esperienze in cui non si è sentito rispettato, da qui il passo verso la sfiducia è breve. Ci siamo convinti di non andare bene, di non meritare relazioni felici.
Se non decidiamo di cambiare frequenza interiore, il dialogo prevalente è con la parte ferita e arrabbiata. Sono le ferite dell’anima non curate a tenere in vita il mondo interno di sfiducia dove lo spazio per lo più è occupato dal risentimento e dalla paura. Paura di essere strumentalizzati dagli altri, paura di soffrire, paura di fallire. Per non sentire la paura reagiamo utilizzando il controllo e inseguendo la perfezione.

Altro muscolo ipertrofico è la pretesa che le cose avvengano secondo tempi e modalità preconfezionate. Ma anche che gli altri rispondano immediatamente per esaudire i nostri bisogni. Altro che relazioni felici. Paura, controllo e pretese accrescono la sfiducia e alimentano un circolo velenoso in cui molto spesso finiamo per sentirci soli, arrabbiati e insoddisfatti.

Fiducia dono d’amore

Con un lavoro di consapevolezza, partendo ognuno dalla propria storia, possiamo rinforzare l’ascolto interiore e riscoprire il potere di creare nuove realtà dentro di noi e nuove modalità di relazione con gli altri. Dipende da noi. Invece di reagire possiamo iniziare ad accettare che la nostra storia non è stata perfetta. Non siamo nati per diventare perfetti.

Siamo nati per svilupparci come Persone e come Artisti della Vita. La vita non va come vorremmo noi, ma bellezza possiamo crearne con ciò che abbiamo. Possiamo imparare a sviluppare la nostra dimensione spirituale. Possiamo decidere di aprire il cuore eliminando le pretese di perfezione e il giudizio verso noi stessi e verso gli atri.

La fiducia può essere riparata. Lo dobbiamo a noi stessi e alla Vita che è dono. La fiducia è uno spazio vivo dentro di noi. Non si tratta di un atto di fede rivolto all’esterno, bensì di un dono di amore verso noi stessi.

scuola counseling

6 COMMENTI

  1. Luana grazie per la chiara esposizione che mi ha fatto fare un bel viaggio di contatto profondo e di esplorazione attuale con la possibilità di chiedermi: A che punto sono oggi, e quanto sto lavorando per rinforzare la fiducia?
    Complimenti il tuo articolo è un dono frutto di lavoro ed esperienza e che parla chiaro, diretto, e sono sicuro che in tanti lo condivideremo per farlo viaggiare di modo che arrivi a quante più persone possibili.
    Leonardo

  2. Grazie Luana per il tuo meraviglioso articolo così poetico e concreto allo stesso tempo. Mentre ti leggevo è come se ogni cosa tornasse al proprio posto.
    Ho sentito una guida che mi accompagnava ad aprirmi alla fiducia. Grazie di cuore
    Giulio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here