La Cosmo-Art e la Coppia

Fame d’amore – innamorarsi in cucina

A che titolo, in quale veste l’amore entra in cucina? Forse è solo una storia romantica, ma un piatto particolarmente buono ci fa dire: si sente che ci hai messo amore.

Il cibo cucinato con amore non riempie solo la pancia a totale soddisfazione del principio del piacere, ma dona nutrimento alla fame di amore che ci spinge, o dovrebbe spingerci ogni giorno a domandarci: cosa posso fare per amarmi, per prendermi cura di me, per accrescere la capacità di amare un’altra persona e essere riamato?

Fame insaziabile

La fame di amore richiama il tema dell’avidità, che dolorosamente racchiude in se l’urgenza ma anche l’impossibilità di soddisfare la fame stessa.

Non a caso la Cosmo-Art considera l’avidità un veleno esistenziale ovvero la risposta difensiva e reattiva ad una frustrazione, per meglio dire ad un vuoto di amore.

Il paradosso dell’avidità a cui attribuire valenza velenosa per la felicità dei partner all’interno della coppia, è che l’avido non tollera di sentire il vuoto e non accetta di sentirsi pieno.

L’avido si nutre del suo stesso lamento, divora senza neanche assaporare il gusto, tende a voler possedere la vita dell’altro senza mai accorgersi della ricchezza e dei doni che riceve, perché se fosse pieno non potrebbe lamentarsi del vuoto.

Il vuoto nella vita adulta può essere attraversato e consapevolmente esplorato nelle componenti dolorose che lo costituiscono e via via trasformato in un pieno di decisioni nuove e progetti di cui innamorarsi.

L’amore nutrimento per l’anima

Accettando la proposta di considerare l’arte della cucina come metafora dell’arte di amare e di donare, possiamo impastare gli ingredienti ovverosia la nostra storia personale, manipolarne con arte e saggezza gli aspetti più duri fino ad ammorbidirli per sciogliere nodi e complicità che tengono imbrigliate le nostre migliori energie che potranno così essere impiegate per creare ricette appetitose e meravigliosi progetti di cui nutrirci a più livelli.

Soddisfatta la fame di amore, percepito il pieno seppure non in maniera assoluta, potremo liberamente decidere se darci nuovi valori di riferimento e passare responsabilmente dall’avidità al dono.

Rimanendo nella metafora, attraverso l’arte del cucinare possiamo comunicare in maniera subliminale e trasmettere messaggi, ad esempio: mi amo e sono capace di amarti, ho imparato a prendermi cura del vuoto e del dolore in esso contenuto e a trasformarlo. Sono pieno di doni che ho recuperato dentro di me e posso donarli e scambiarli nella reciprocità.

E’ dunque centrati nell’amore per noi stessi che possiamo superare e trascendere la pretesa nonché illusione che sia l’altro seppure la persona amata, a dover riempire il vuoto antico e a saziare la fame di amore, possiamo smettere di divorare e di farci divorare.

Trasformando noi stessi porteremo inevitabilmente qualità, bontà e bellezza in ogni ambito della nostra esistenza, perché tutto diventa semplicemente e naturalmente espressione di un modo di essere.

In conclusione, è in questi termini che l’amore può essere considerato a pieno titolo l’ingrediente fondamentale, perchè nessuna trasformazione può compiersi, nessuna bellezza si può creare senza l’amore.

scuola counseling
CONDIVIDI
mm
Counselor Professionista in Antropologia Cosmoartistica iscritto al Registro Counselor della FAIP Counseling

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here