La Cosmo-Art e il Counseling

Cinque modi per scoprire la propria creatività

Questi cinque modi per scoprire e, soprattutto, allenare la nostra creatività sono, in realtà, solo l’inizio di una lunga avventura.
La creatività è, a mio modo di vedere, profondamente legata alla capacità ‘generativa’ dell’essere umano.
Racchiude in realtà un passaggio di posizione fondamentale: da creato a creatore, da figlio a genitore, da passivo ad attivo, da colui che trae nutrimento a colui che ne produce.

Perchè allora è così difficile?

Stante questo assetto profondamente differente dalla posizione iniziale con la quale arriviamo alla nostra vita, risulterà forse più semplice comprendere le difficoltà che si incontrano nel lasciarsi andare alla libertà di poter CREARE.
Osserviamo ad esempio i bambini: loro sanno come creare continuamente la realtà circostante, ricreare con ciò che hanno a disposizione – più una buona dose di fiducia e fantasia – qualsiasi situazione abbiano vissuto nella loro esperienza o desiderino vivere.
Non si tratta quindi, come siamo abituati a credere, di una facoltà puramente intellettiva, una abilità da esercitare in modo certosino e pedissequo.
O meglio, ci dobbiamo sicuramente impegnare ad allenarci in modo costante, ma la via per giungervi è meno logica di quanto noi pensiamo.

Cosa si può fare?

E allora vediamo come poter iniziare:

1) Per prima cosa dobbiamo decidere profondamente di percepirci come ‘capaci di creare’, in senso lato, non importa se non dipingeremo la Cappella Sistina ma comunque siamo perfettamente in grado di partorire: idee, pensieri, sentimenti, progetti, ecc.
2) Ascoltiamo la nostra curiosità, esploriamo, interroghiamoci sul perchè delle cose e soprattutto appassioniamoci alla meraviglia di noi stessi, di chi siamo e delle nostre potenzialità.
3) Ci dobbiamo prendere molta cura di noi stessi, ascoltarci profondamente, riposarci e concederci ritmi rispettosi poichè nessun essere umano stressato e debilitato ha mai saputo produrre alcunchè di buono.
4) Mettiamo a tacere il terribile sabotatore interno che è in ognuno di noi, quella vocina insistente che ci dice che non siamo capaci, che facciamo solo cose insignificanti, che nessuno ci darà ascolto e che ci siamo messi in testa di essere un novello Michelangelo solo perchè abbiamo deciso di fare un corso online di tecnica di acquerello.
5) Infine apriamoci alla vita e lasciamoci continuamente fecondare da nuove idee, nuovi approcci, nuove discipline e nuove parti di noi che non sospettavamo esistessero.

Questi 5 suggerimenti sono soltanto un inizio di una preziosa crescita personale che lo sviluppo della nostra capacità creativa include.
E’ infatti importante prendersene cura ogni giorno e farlo diventare parte integrante del nostro approccio alla vita.

scuola counseling

3 COMMENTI

  1. Grazie : mi hai aiutato a rinnovare la decisione di vedermi, di amarmi e di lasciar fluire la mia creatività, in qualunque ambito si sviluppi.

  2. Ottime indicazioni. Ognuno di noi ha una sua creatività innata che da bambini riusciamo anche ad esprimere ma che poi ingabbiamo presi dai condizionamenti che noi stessi ci imponiamo. Per esperienza personale io non mi sentivo creativa ed ho imparato a ricredermi e ad utilizzare la mia creatività nella vita quotidiana. Sono diventata un’artista della mia vita e non mi importa se non sarò mai come Michelangelo, Beethoven, Carla Fracci, Picasso, Canova, Victor Hugo, Pablo Neruda, …..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here