I° Campagna Nazionale sulla Salute Mentale

Il 5 dicembre 2004, in occasione della celebrazione della I Giornata Nazionale della Salute Mentale – indetta dal Presidente del Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro della Salute Girolamo Sirchia, partirà la Ima campagna di comunicazione sulla salute mentale.

Lo scopo della campagna, presentata questa mattina a Roma, presso la sede del Ministero della Salute, sarà quello di rendere più efficaci ed omogenee le iniziative mirate a combattere lo stigma sociale delle patologie mentali, l’esclusione, il pregiudizio e la discriminazione nei confronti dei malati di mente e di informare i cittadini sulle possibilità di cura e di accesso ai servizi.

L’iniziativa, decisa con decreto del Ministro della Salute Girolamo Sirchia, nel quadro delle campagne di comunicazione di sensibilizzazione rivolte ai cittadini per la prevenzione e tutela della salute e per i corretti stili di vita, è stata realizzata dalle 4 associazioni di malati e pazienti più rappresentative nel campo della salute mentalequali Unasam (Unione Nazionale Associazioni per la salute mentale), Diapsigra (Associazione per la Difesa degli Ammalati Psichici Gravi), Arap (Associazione per la Riforma dell’Assistenza Psichiatrica) e Fondazione Idea e le società scientifiche Sip (Società Italiana di Psichiatria), Sinpf (Società Italiana di Neuropsicofarmacologia) e Sep (Società Europea di Psichiatria).

I disturbi relativi alla saluti mentale rivestono un’importanza crescente in tutti i Paesi industrializzati sia perché il numero dei soggetti colpiti è in costanteaumento sia perché determinano un elevato carico di disabilità e di costi economici e sociali che pesano sui pazienti, sulle loro famiglie e sulla collettività.

Nel corso della giornata nazionale della salute mentale, domenica 5 dicembre, si svolgeranno numerose iniziative nelle principali piazze di tutte le regioni italiane con lo scopo di sensibilizzare la popolazione sui problemi dei pazienti affetti da disturbo mentale e dei loro familiari e contribuire a fornire una informazione corretta al fine di superare il pregiudizio sociale verso i portatori di tali disturbi.

Inoltre verranno realizzati convegni e manifestazioni rivolte non solo a medici e farmacisti ma anche ai malati e alle loro famiglie, pubblicità dinamica, affissione di materiale informativo e distribuzione di opuscoli nelle farmacie enegli ambulatori dei medici di medicina generale, realizzazione di uno spot televisivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here