Quest’anno la primavera, vissuta dagli allergici come fonte di problemi, porta con sé anche un’iniziativa che potrebbe rivelarsi preziosa per aiutare chi soffre di allergie ad affrontare al meglio la stagione dei pollini. Nasce il “Meteo polline”, un servizio di previsione della presenza dei pollini nell’atmosfera che fornisce un aggiornamento settimanale della situazione nelle diverse aree climatiche italiane. Si tratta di un’iniziativa lanciata dall’Associazione Italiana di Aerobiologia (AIA) in collaborazione fra Pfizer Consumer Health Care. L’idea è stata quella di utilizzare alcune pagine tratte dal sito di AIA che si rivolga direttamente al paziente. Un sito che sia dunque il più fruibile possibile, meno istituzionale, più diretto e che consenta di offrire informazioni che riguardano non solo la presenza di pollini nell’atmosfera, ma anche le loro concentrazioni.

Perciò, a partire dal 1 Aprile, collegandosi al sito www.re-actine.it chi soffre di allergie respiratorie potrà vedere in tempo reale la previsione dei pollini relativa alla settimana in corso.

Ciò significa offrire al paziente l’opportunità di prepararsi ad affrontare i periodi più a rischio in relazione alla propria sensibilizzazione, ma non solo: potrebbe anche consentire di far nascere il sospetto di nuove sensibilizzazioni nel caso per esempio in cui un paziente noti la coincidenza fra la comparsa dei sintomi e la presenza di pollini nei cui confronti ignorava di essere allergico.

La previsione risulterà estremamente precisa per merito dell’esperienza maturata dall’AIA nei molti anni di impegno in questo campo. “Per ottenere la massima precisione l’Italia viene suddivisa in base alle aree climatiche – spiega la dottoressa Paola De Nuntiis componente del consiglio direttivo AIA – Una valutazione delle concentrazione dei pollini presenti in atmosfera e una previsione del loro comportamento nella settimana successiva viene effettuata per ciascuna di queste aree”.

In pratica, il nostro Paese viene suddiviso nella regione delle Alpi, comprendente l’intero arco alpino, nella Valle del Po, comprendente una parte del Piemonte, quasi tutta la Lombardia, le province settentrionali dell’Emilia Romagna, il sud del Trentino, parte del Veneto, e del Friuli esclusa la fascia costiera.

Quest’ultima, da Trieste fino a sud di Ancona costituisce l’area climatica del Nord Adriatico, mentre il Sud Adriatico include Molise, Abruzzo, Puglia e Basilicata. Sul versante tirrenico l’area del Nord Tirreno si estende dalla Liguria a parte della Toscana incluso Firenze, mentre dalla parte meridionale della Toscana fino alle aree settentrionali della Calabria si estenda il Sud Tirreno. All’area delle Isole appartengono invece Sicilia, Sardegna e gran parte della Calabria.

Accanto alla previsione dei pollini, il sito offre l’opportunità di accedere ad articoli di approfondimento sulle malattie allergiche, offre link a siti consigliati e permette di effettuare un test per capire se si è a rischio di allergie. Inoltre, registrandosi, il paziente allergico avrà la possibilità di ricevere ogni settimana le previsioni direttamente nella sua casella di posta elettronica. All’iniziativa partecipano anche i farmacisti che, oltre ad avere la possibilità di ricevere per e-mail il bollettino settimanale che può così essere esposto nella farmacia, possono accedere a una sezione riservata che offre fra l’altro la possibilità di effettuate un corso on-line sulla rinite allergica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here