Spettatori o attori della nostra Vita?

Cosmo-Art e Counseling

Siamo spettatori oppure attori della nostra Vita? Quale copione scegliamo per noi? Oggi vi propongo una riflessione simbolica per guardare alla realtà nella quale siamo immersi ed al ruolo che scegliamo di interpretare. Il ruolo che interpretiamo fa parte di noi e del nostro modo di affrontare la vita.

Essere spettatori della propria vita vuol dire subire gli eventi in modo passivo. Non interessati al senso e al significato di ogni evento. Di solito questo pensiero si accompagna ad un altro molto vittimistico: Ma guarda cosa mi è capitato….Tutte a me! La vita ce l’ha proprio con me!

Siamo sul palco della Vita oppure sotto a guardare cosa accade senza poter fare niente?

Quando siamo spettatori, deleghiamo all’esterno ciò che invece ci appartiene e fa parte del nostro mondo interno. Spesso ci capita di pensare che i fatti avvengono indipendentemente dalla nostra volontà, ci sentiamo spettatori. Ciò, è vero fino ad un certo punto. Si, perché c’è sempre una nostra responsabilità da ricercare in ciò che ci succede. Anche se spesso ci sembra di non trovarla.

RSS Feed - Istituto SolarisRimani aggiornato!

Siamo testimoni-spettatori di realtà raccontate dai media, dai social, dalle persone che incontriamo e che ci propongono quasi sempre lo stesso copione. Una visione  negativa a cui è facile credere perché confermata da tutto quello che vediamo in modo passivo fuori di noi.

Spettatori o attori della nostra vita: a cosa credere…

Mi chiedo come può essere possibile che non ci sia mai un fatto, una vicenda positiva da raccontare, da riportare. Be, come molti di noi già sanno, nessuno avrebbe attenzione per ascoltarla, a nessuno interesserebbe, non susciterebbe stupore. Siamo attirati solo da ciò che va male, da fatti eclatanti e particolarmente violenti. Una buona parte della cinematografia e dei media, ha studiato che i fatti violenti, la distruttività, la crudeltà delle immagini crea grande attenzione e interesse che porta ad un redditizio giro di affari.

Insomma sia un po’ masochisti ammettiamolo! Non solo a livello esterno, nella ricerca delle immagini, ma anche per quanto riguarda noi e la nostra vita. Vediamo quasi sempre la parte del copione che ci da un piacere malsano. E’ sicuramente più facile vedere in ogni situazione il peggio senza approfondirne il senso.

Quasi sempre, se ci facciamo caso, i pensieri che ci accompagnano nella quotidianità sono negativi, pesanti e costellati da schemi mentali già confezionati che ci assorbono tutte le migliori energie. Questo ci fa stare bene?

Cambiare ruolo…

Se vogliamo cambiare ruolo è necessario decidere radicalmente di cambiare posizione. Salire sul palco per essere attori significa trovare il coraggio di prendere in mano la propria vita e tutte le responsabilità connesse. Diventare osservatori e ricercatori di verità autentiche presuppone una scelta di vita. Questo atteggiamento di ricerca comporta la necessità di divenire attori attivi del senso di ciò che ci sembra apparentemente senza alcun senso.

Ruolo da Attori artisti o da spettatori?

Questa riflessione comporta la presa di coscienza di quale ruolo assumiamo rispetto a ciò che ci accade. Da vittime spettatori oppure da attori-artisti della Vita?!

La Cosmo-Art ci da un messaggio chiaro in tal senso: “Siamo artisti e veri protagonisti della nostra Vita”. Ciò comporta la ricerca continua di verità e responsabilità per crescere come persone.

L’agire artistico e creativo cresce e si sviluppa dentro di noi attraverso una palestra continua in cui dobbiamo allenarci. Coltivando il desiderio di essere ricercatori di ruoli e posizioni nuove di copioni vecchi e già interpretati in modo passivo. Si tratta di un vero allenamento, per uscire dai nostri schemi mentali di riferimento che ci fanno vivere infelici. Desideriamo metterci in una posizione di ricercatori di significato e di senso di fatti analizzati da un punto di vista simbolico  che sicuramente sono lo specchio per conoscerci sempre meglio.

Nel mondo di oggi essere ricercatori di senso non è semplice e cambiare ottica per guardare con occhi nuovi alla nostra realtà quotidiana ha bisogno di impegno, desiderio di crescita, consapevolezza, umiltà e sopratutto metodo. Perché siamo immersi in un vivere fatto di pensieri, condizionamenti, parole negative, passive e vittimistiche dove la colpa di ciò che accade intorno a noi è da trasferire sempre fuori.

La realtà specchio del nostro mondo interno

Oggi mi chiedo a quale realtà vogliamo e decidiamo di credere? La realtà che vediamo nelle immagini dei media ci propone un copione per spettatori. Il più delle vote molto negativo.

Ci facciamo avvilire e deprimere da un copione ripetuto all’infinito che ci toglie forza, speranza ed energia per poter affrontare la nostra vera realtà interna. Le immagini entrano dentro di noi ed amplificano i nostro vissuto, ce lo proiettano esattamente uguale al nostro mondo interiore. Di conseguenza anche la realtà che ci raccontiamo sulla nostra quotidianità segue lo stesso copione. Siamo noi che, se ci vogliamo un poco di bene, abbiamo bisogno di non essere spettatori passivi ma attori protagonisti del nostro vivere. Fermiamoci a riflettere e decidiamo ogni giorno a cosa credere: quale ruolo vogliamo avere nella nostra vita?

Diventare attori per avviare un processo di crescita

Essere attori significa non subire mai ciò che ci capita.

Non sentire gli accadimenti come qualcosa di esterno e distante su cui non abbiamo voce in capitolo. Decidere di essere attori vuol dire iniziare un processo di crescita in cui ci sentiamo i protagonisti della nostra vita. E’ un processo attivo di conoscenza in cui ricercare il senso di ciò che viviamo. Ciò vuol dire tutt’altro che rimanere a guardare come spettatori seduti in platea ossia distanti da noi. Significa prendere in mano il nostro copione e scrivere una nuova storia.

Non è facile compiere questa rivoluzione di pensiero ma ce la possiamo fare. Avere fiducia e umiltà per decidere che esiste un altro modo di affrontare la vita è il primo passo. Credere fermamente che abbiamo numerose possibilità. Basta concedersele e iniziare a pensare di meritarsele. Riconoscersi il potere sulla propria vita è il secondo passo per uscire da un copione vecchio e stantio che non ci appartiene. In fondo tutti desideriamo essere felici e realizzarci.

Una terza opportunità sta nell’avere il coraggio di alzarsi per salire sul palco per  divenire attori. Per abbandonare il ruolo da spettatore ed appropriarsi del ruolo di attore. Aprirci a queste nuove possibilità di scelta significa aprire la mente verso orizzonti nuovi, verso prospettive di cambiamento.

Se non ce la facciamo da soli, possiamo sempre chiedere aiuto. Cercare le persone in grado di far emergere dentro di noi gli strumenti adeguati per vivere questo cambiamento di ottica è il passo successivo per divenire attori protagonisti della nostra vita.

Un passo dopo l’altro diventiamo attori

Vi propongo un ulteriore opportunità per aiutarci in questo percorso fatto di piccoli passi…molto significativi.

E’ un libro che rappresenta una controtendenza rispetto alla realtà filmica commerciale nella quale siamo immersi e a cui siamo abituati. Un dono che possiamo ricevere solo se ci sentiamo profondamente amati dalla vita e desiderosi di conoscere ed allenarci nella ricerca del senso e del significato di ciò che ci accade.

Il libro che sottopongo alla vostra attenzione ha questo titolo: “La vita come opera d’arte e la vita come dono spiegata in 41 film” scritto dal Prof. A.Mercurio. Questa volta attraverso la visione di alcuni film appositamente scelti e seguendo la metodologia interpretativa della Cosmo-Art possiamo approdare ad una visione della realtà da altri punti di vista. Con questo metodo è possibile esplorare profondamente sia le immagini filmiche, sia la nostra vita e quella degli altri. 

E’ un inizio per poter apprendere gli strumenti per divenire ricercatori di Senso creativi che utilizzano l’arte per vivere in modo costruttivo, da attori protagonisti della propria vita.

Costruire una nuova strada, riscrivere il nostro copione, scegliere la realtà da raccontare ci farà diventare esperti dei messaggi che la vita ci invia ogni giorno tramite i fatti che ci accadono.

Apriamoci a nuove visioni sia filmiche che di vita e decidiamo di cambiare il nostro ruolo: da spettatori ad attori della nostra vita

Spettatori o attori: un allenamento alle immagini

Se pensate che questa proposta si troppo ambiziosa e credete di non potervela permette fate un esperienza di Cinematerapia®. Presso la nostra scuola di Formazione e crescita personale ogni anno organizziamo dei Seminari di Cinematerapia® a cui si può partecipare. Sarà un esperienza in cui potersi allenare insieme al cambiamento di ruolo: da spettatore ad Attore della propria Vita!

Provare per credere!

 

scuola counseling

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here