Cosmo-Art e il senso della vita

Mi amo quando: la mappa della capacità di amarsi

Mi sono chiesta tante volte cosa significa amarsi. In passato mi sembrava impossibile che io non mi potessi amare. Infatti pensavo che amare se stessi volesse dire prendersi cura del proprio aspetto fisico. Soprattutto credevo fosse legato all’aspetto esteriore di me. Una piccola parte di me si curava: pensavo a me stessa, ma ciò non era sufficiente per sentirmi bene. Non mi bastava per stare bene. Latente dentro di me, sentivo un certo malessere, un disagio, che mi dava una sensazione di insoddisfazione. Come se mancasse qualcosa….

Con il tempo decisi di capire meglio cosa significava amarsi e decisi di seguire un percorso di crescita personale e soprattutto i fondamenti dell’Antropologia Personalistica Esistenziale proposta dal prof. A. Mercurio. Ho capito, quasi subito, che ciò che facevo e dicevo sull’amore per me era abbastanza lontano dall’amarsi veramente e pienamente.

L’amore per se è un sentimento profondo e importantissimo per stare bene con se stessi. Amare è la capacità di scegliersi ogni giorno, a dispetto di tutto e di tutti. Ci vuole impegno, grande volontà e coraggio. Effettivamente, fino a quel momento, nessuno me lo aveva mai  insegnato. Come potevo saperlo?
In diverse esperienze proposte nei corsi esperienziali dell’Istituto Solaris ho approfondito questo tema dentro di me. Ho iniziato a farmi questa domanda e a pensare quando, nella vita di tutti i giorni, mi amavo. Ero presa dalla quotidianità e dall’assolvere ai miei compiti importantissimi e inderogabili di madre, di moglie, di figlia, di lavoratrice.
Non avrei mai pensato che fosse fondamentale mettermi al primo posto invece di essere l’ultima della lista. Quanto questa sottile dimenticanza mi procurava  dolore e soprattutto nervosismo e insoddisfazione. Decisi di iniziare a riflettere e soprattutto ad ascoltarmi (come proponeva uno dei corsi diretto dal Dott.Giampiero Ciappina).

Amarsi e rispettarsi

Compresi poi, che non mi amavo quando non rispettavo i miei bisogni. Ma il fattore più difficile da identificare è stato comprendere di cosa avessi veramente bisogno. Così ho provato a scrivere su un foglio, dividendolo a metà:”Mi AMO quando …” e dall’altra “NON mi AMO quando …”.
Non è semplice fare questa prova e ci vuole coraggio per vedere con chiarezza le proprie responsabilità sul non amore per se stessi. “Se rinuncerete a provare, saprete subito perché lo fate”.

Compresi molto bene quando facevo scelte di pochissimo amore per me, e quindi non mi amavo, ed invece è stato molto più difficile capire cosa potevo fare per amarmi. Si perché questa è una capacità che apprendiamo con il tempo, seguendola ogni giorno con impegno dentro di noi e divenendo sempre più capaci di appropriarcene.

Amarsi serve a far funzionare la propria vita

Oggi sono diventata capace di orientarmi nella vita, dando a me stessa la possibilità di amarmi, ma solo se lo decido. Ogni volta mi chiedo: “questo è amore per me?”. Dentro di me conosco profondamente la risposta. Questa capacità mi indica ogni giorno la direzione da prendere per stare bene, orientando in modo sano le mie scelte. Oggi mi amo quando tutto intorno a me funziona meglio. Sono soddisfatta e appagata dalla mia vita e ho fiducia che attraverso il mio prezioso esempio anche le persone che mi sono vicine cresceranno imparando a divenire persone che costruiscono la loro felicità.

scuola counseling

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here