La Cosmo-Art e il Senso della Vita

Insieme per creare bellezza con Arte

Insieme per creare bellezza con Arte, insieme per realizzare opere d’arte. La capacità creativa appartiene a tutti e l’opera realizzata è per tutti. Forme di creatività e di espressione dalle quali emergono messaggi, ricerche, abilità, intuizioni. Un linguaggio artistico dotato di una propria unicità ma capace di trasmettere emozioni a cui tutti possono attingere.
Insieme per creare bellezza, partire da una idea, realizzare un progetto, prendersene cura. Il fine? Comunicare.

Insieme per creare. Da dove nasce la bellezza??

“Prendete un blocco di marmo, trasformatelo col vostro lavoro e dategli una forma che susciti ammirazione per la bellezza, per la forza e per la vita che avete saputo infondergli e avrete creato un’opera d’arte”. A. Mercurio

L’imponente blocco di marmo bianco di Carrara, da cui nacque il maestoso David, ha una storia antica. Quel blocco infatti, nessun artista lo voleva. Era stato abbandonato per molti anni. Sembra che due artisti del Quattrocento avessero provato a lavorarlo, lasciandolo poi rovinato ed inutilizzabile.

Fecero un buco enorme nella parte inferiore del blocco di marmo. Un buco al primo impatto anche minaccioso, inavvicinabile. Un po’ come il Dolore: chi lo vorrebbe nella propria vita? Crea uno squarcio dentro di noi.

RSS Feed - Istituto SolarisRimani aggiornato!

Quando arriva, con tutta la sua forza, è difficile accoglierlo e ancor più complesso provare a trasformarlo. Il blocco di marmo presentava molte difficoltà. Era fragile, come la nostra anima, imperfetto come la nostra unicità, probabilmente quasi impossibile da lavorare. Eppure, eccolo la, il David , il capolavoro di Michelangelo.
Dal Millecinquecento, ancora oggi il mondo ammira con stupore l’Eroe Biblico che si appresta ad affrontare Golia. Un’opera d’arte immortale.

Un varco nel cuore, per creare bellezza

Il dolore, apre un varco nel cuore, ci rende vulnerabili, sensibili alla bellezza e allo stesso tempo la fa nascere.

“Questo blocco già tagliato e squadrato secondo scelta altrui e poi scheggiato e abbandonato in un cortile, somiglia molto alla nostra vita, così come la riceviamo dalla storia e dai nostri genitori, con un grosso buco nell’Io e l’altro, ancor più grosso, nel cuore”. Prof. A. Mercurio

L’opera d’arte è il frutto di una trasformazione, di un passaggio umile da vittima ad Artista. Comunica bellezza e ne produce altra.

La bellezza creata, in quello spazio-tempo, definiamolo pure hic et nunc, è per sempre. E tutto diviene possibile. Diviene possibile anche trasformare un blocco di marmo così particolare, in una opera d’arte immortale che travalica ogni confine di spazio e tempo.

Nulla può impedire alla nostra parte “artista” così tanto saggia, di costruire con fare artistico, attorno al dolore. Nessuno può impedirci di trasformarlo.

 

Per creare Bellezza. Solitudine o coralità?

Soli o Insieme? Certo pensandoci bene Soli, si ha più autonomia, potere decisionale, velocità. Si resta nella propria area di confort, con i soliti schemi e senza dubbio le tante potenzialità.

Ma Soli, dove si arriva? Pongo un quesito: possiamo accogliere la possibilità che Insieme si arriva più lontano?
E qui arrivano i dolori! Certo passare dal narcisismo alla coralità, dall’agire Soli all’agire Insieme prevede delle rinunce, prevede dei passaggi. Quali? Umiltà ad esempio. Poi? Fiducia, accoglienza.

E poi, cos’altro? La capacità di sviluppare il potere di cui disponiamo per creare. Mettersi al servizio della Vita e del Progetto che esiste per noi. Essere abili nella comunicazione e nella condivisione. Avere il coraggio di essere autenticamente stessi. Mettere in campo la decisione di apprendere. Di assumersi delle responsabilità, senza dover per forza cercare un colpevole che ci perseguita, sempre fuori di noi.

Quindi non solo rinunce e patimenti, ma opportunità per imparare a sviluppare nuove competenze. Una grande opportunità per crescere, attraverso l’altro. Di aggiungere valore al nostro Patrimonio Esistenziale. La possibilità di un cammino alternativo, percorso con arte e saggezza, accessibile a tutti.

Insieme, una via per creare Bellezza Seconda

Un passo ancora in avanti. Per la Cosmo-Art, molte vite umane vissute come opere d’arte, possono creare, se fuse insieme, un particolare tipo di bellezza. Qualcosa che ancora non esiste, che si ispira all’immortalità.

Insieme, è una via per creare Bellezza Seconda, quella Bellezza che non muore mai. Per creare quel Sé Corale che è fusione di più persone, verso la realizzazione di un progetto comune. Agire Insieme per dare vita a qualcosa che in natura non esiste ma che è il frutto della fusione di più forze tra loro armonizzate.

Non una via semplice, ma che se percorsa Insieme, ci condurrà molto lontano. Più lontano di come avremmo mai potuto osato sperare o immaginare.

La Bellezza creata Insieme

Tutti possiamo essere artisti e insieme creare bellezza. Personalmente, credo nella realizzazione della Bellezza, come Valore necessario e possibile.
Attraverso questa è possibile rendere visibile, l’invisibile. Insieme. Ciò che si realizza con il passaggio dall’Io ad un Tu, ad un Noi è una bellezza superiore. E’ per tutti. E’ ricevere e poi donare una nuova possibilità.

“Prendete ora la vostra vita e lavoratela in modo da imprimerle una forma nuova, originale, che esprime bellezza, forza e armonia e avrete fatto della vostra vita un’opera d’arte, salvandola dalla banalità del vivere quotidiano e dall’anonimato del conformismo di massa”. A. Mercurio

E’ arrivato ora il momento di volare. Se il vostro cuore desidera conquistare una Bellezza superiore, prendete la vostra vita, Unitevi ora, Insieme. Attraversate l’impossibile, lenite le ferite, trasformate la Vita. L’Arte e la coralità trasformano la quotidianità in qualcosa di straordinario. Il possibile affiora, le identità si risvegliano, lo stupore ravviva l’anima e la Bellezza creata Insieme, con Arte, è per sempre.

scuola counseling

4 COMMENTI

  1. Cara Simona,
    si arriva il momento per tutti il momenti di scegliere se volare oppure rimanere sulla scogliera ad attendere chissà quali venti e condizioni propizie.
    Il passaggio che ben descrivi dall’individualità alla coralità spaventa, quello spauracchio di perdere la nostra “indipendenza ed autonomia” ci blocca e ci rende rigidi e poco accoglienti verso gli altri. Pur essendo una qualità umana sento quanto è bene che ciascuno di noi, e tutti insieme, accresciamo la consapevolezza sia delle enormi possibilità di crescita che ci precludiamo stando “chiusi nel nostro guscio”. Certo è un bel lavoro da fare ma è anche un gran bel successo ed una grande realizzazione che ci attende. Mettiamoci con pazienza a vedere la bellezza dietro il dolore e dietro le paure e sono certo che anche ciascuno di noi saprà trasformare quel buco e creare bellezza personale e corale. Grazie per i tuoi, sempre azzeccatissimi, articoli. Leonardo

  2. Cara Simona,
    il tuo articolo è davvero profondo, ricco di tanti spunti e verità.
    Ti ringrazio per aver parlato del dolore e del nostro grande, immenso potere, di poterlo trasformare (se lo decidiamo) con l’amore e con l’arte. Questa possibilità aumenta la mia consapevolezza e mi aiuta a mantenere alta la speranza. Da soli possiamo fare tanto ma con gli altri possiamo realizzare ciò che ci sembrava impossibile.
    Ti abbraccio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here