Setting

    In ambito psicoanalitico, il setting rappresenta la “matrice funzionale” che media la costruzione della relazione professionale tra paziente e terapeuta, e la rende clinicamente efficace. Il setting è costituito dal set (ovvero dall’ambiente fisico e funzionale all’interno del quale ha luogo la relazione analitica), dalle regole organizzative del “contratto analitico” (orario, durata e pagamento delle sedute), e dalle regole relazionali che mediano il rapporto analista-analizzando (assenza di contatti extra-analitici, etc.). Più in generale, il setting è il “significante strutturale” dei significati che si attuano nelle forme della relazione clinica, e che costituiscono l’assetto di base del rapporto analitico.

    CONDIVIDI
    Articolo precedenteTotem e tabù
    Articolo successivoIo (psicologia)
    mm
    Direttore dell'Istituto Solaris - Sophia University of Rome. Allievo del Prof. Antonio Mercurio. Psicologo, Psicoterapeuta, Antropologo cosmoartista, Counselor Trainer della FAIP Counseling. Ha scritto otto libri, centinaia di articoli per molte riviste, tenuto numerose conferenze e partecipato a molti congressi nazionali e internazionali.

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here