Il fluire della Vita nella coerenza.

La sensazione di tranquillità che si prova nel fare le cose di tutti i giorni, ci fa pensare che tutto vada bene intorno a noi, facendoci sentire al sicuro. Infatti è rassicurante pensare che ogni ambito della nostra vita sia sotto controllo e proceda in modo naturale, esattamente così come deve andare. Si accettano le situazioni nuove senza farsi troppe domande, cercando di difenderci da eventi dolorosi più o meno turbolenti, facendoli rientrare nella natura delle cose. Ci impegniamo soprattutto a rimanere ancorati a quelle “certezze” nella quale troviamo la forza per superare i momenti più difficili della vita. La nostra staticità ci dà sicurezza. La nostra forza interiore così usata diventa paradossalmente un nostro limite, ma non lo vediamo. Pensiamo in questo modo di rimanere coerenti con noi stessi e pensiamo che un qualsiasi cambiamento di pensiero o di comportamento sarebbe come un tradimento che mette in evidenza una nostra debolezza. Attuare dei cambiamenti ci fa paura, riconoscere le nostre fragilità ci fa sentire insicuri, ci fa sentire traballanti, pertanto dare alla “staticità“ il nome di “coerenza” ci fa sentire dentro una cornice.
Non ci rendiamo conto che con questo agire stiamo indossando una corazza per mascherarci, mistificando, quasi annullando il nostro sentire profondo.

Questo stato di cose che noi stessi inconsapevolmente favoriamo per difenderci dal dolore di una ferita profonda dell’anima, non ci permette di entrare in contatto con il nostro Sè, la nostra essenza, anzi ci tiene ben lontano dalla verità contribuendo a creare degli alibi per ostacolare la nostra ricerca di equilibrio interiore. Costruiamo un falso Sé che diventa un nostro alleato potente nel contrastare ogni accenno di cambiamento nella nostra vita. Si pensa che la verità sia quella che già viviamo, che siamo esattamente le persone che mostriamo di essere a noi stessi e agli altri, ostacolando il fluire della vita. Ci fa paura modificare qualcosa, ci sentiamo minacciati da quel che non conosciamo. Ed ecco che proprio la paura diventa uno degli ostacoli maggiori da superare. La paura di sbagliare ci rende immobili e ci fa diventare dei giudici severi quando sbagliamo o altri sbagliano. La paura di non essere all’altezza, ci paralizza dal prendere nuove decisioni, ci pone in una posizione di superiorità rispetto a chi si mette in gioco per cercare la verità profonda.

La paura di perdere qualcosa non ci permette di trovare il coraggio per affrontare più profondamente parti nuove di noi stessi, di vederci per quello che siamo nel bene e nel male. Soprattutto di darci la possibilità di amarci nel bene e nel male trovando proprio lì, in quella parte che ci siamo tanto affannati a nascondere, la forza e l’energia per trarne un motivo di cambiamento. Credere che possiamo muovere dei passi verso la verità profonda , muoverli con fiducia credendo che stiamo trovando qualcosa di prezioso per noi, ci aiuta ad uscire dall’immobilismo. Ci permette di metterci in ascolto con il nostro sé, la nostra saggezza interiore che ci vuole così come siamo. Con tutte le nostre parti. E’ come se cominciassimo a riconoscere che le certezze nelle quali abbiamo creduto, siano state un buon nascondiglio per la nostra paura, quella paura di conoscerci e amarci più profondamente nella Verità. E’ la verità che ci rende davvero liberi, quella verità che quando possiamo ammettere con noi stessi ci dà la forza e l’energia per valorizzare noi stessi autenticamente, possiamo dirci sono una Persona vera, adesso sono una persona vera che con coraggio con fiducia ha deciso di comunicare con tutte le parti che mi compongono, riconoscendo ad ognuna il suo valore.

Noi siamo preziosi sempre, anche quando qualcosa di più grande di noi sembra voglia appropriarsi per rovinarci la vita. Il dialogo profondo con noi stessi è la nostra vera dignità di Persona. Riuscire ad armonizzare tutte le mie parti significa ascoltarmi, darmi la possibilità di perdonarmi. Nel superarmi comprendo che le fondamenta per ogni superamento sono nel dialogo profondo all’interno di me stessa, un dialogo profondo basato sulla Verità che mi permette di sentirmi Persona.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here