Cosmo-art e Coppia

Quando il partner non è come io vorrei

Nel corso della nostra esperienza di coppia, spesso abbiamo potuto sperimentare quanto l’immagine ideale che abbiamo creato rispetto al nostro partner si discosti da quella reale che invece lo contraddistingue. Lui o lei proprio non è come avevamo immaginato… che delusione e quante imperfezioni! Presi dallo sconforto ci disperiamo per non aver saputo cogliere prima questi difetti nell’altro, gli attribuiamo l’incapacità di modificarsi, rendersi disponibile al cambiamento e se il rapporto di coppia proprio non va, è certamente colpa sua! Ovviamente sappiamo benissimo che il processo di scelta che abbiamo operato è reversibile e se volessimo, potremmo optare per porre termine alla relazione, ma se invece desideriamo restare in contatto autentico con noi stessi, possiamo comprendere che dietro a questa frustrazione si nascondono il dolore e la paura di dover affrontare un passaggio di consapevolezza e accettazione dei propri limiti. Il partner infatti, secondo una lettura antropologica, non è altro che un riflesso di noi stessi in cui poterci specchiare e riconoscere. A volte ed in maniera del tutto inconsapevole, sono proprio le stesse problematiche esistenziali ad esercitare un forte potere d’attrazione nei confronti di quella persona che poi sceglieremo come nostra metà. E ciò che proprio non voglio accettare e vedere in lui/lei è esattamente ciò che non riesco e voglio vedere in me. I miei difetti, le mie fragilità, le mie resistenze. Quindi non mi resta che delegare, chiedere all’altro di fare quel superamento che io non sono in grado di fare. E allora come posso ricostruire questa importante figura che ho distrutto dentro di me pur essendo una parte di me? Un primo passo potrebbe essere quello di provare gratitudine per i vissuti che mi propone il partner e riflettere su quali dei miei aspetti devo ancora lavorare e trasformare per sintonizzarmi ancora più profondamente con la mia evoluzione personale. Posso provare a perdonarmi per tutte quelle volte che ho preteso senza concedere prima a me stessa quella possibilità di cambiamento. Posso provare a superare i miei ed i suoi limiti con obiettivi di bellezza che solo la coppia è in grado di realizzare e dire più spesso al mio partner “Ti amo lo stesso, anche se non sei come io vorrei! “

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here