La “farmacia” domestica dei rimedi “dolci” (seconda puntata)

Accontentando i lettori del precedente articolo “Omeopatia d’urgenza” continuiamo la nostra veloce carrellata sui rimedi omeo-fitoterapici che possono rivelarsi utili nella cura di piccoli disturbi che possono turbare le nostre vacanze. Pronti a goderci il sole dell’estate, ricordiamoci che se i latini dicevano: Sol remedium omnium (il Sole, rimedio per tutte le cose), è anche vero che una esposizione prolungata può causare dei danni alla nostra pelle. Oltre ai consigli generali sulle creme protettive, vorrei aggiungere un rimedio che può tornare utile, se si è stati un po’ imprudenti e, tornando a casa, verso sera si inizia a sentire un po’ di bruciore e la cute si presenta arrossata. In questo caso NON bisogna assolutamente usare pomate a contenuto alcoolico (come per esempio Arnica, rimedio che avevo proposto nello scorso articolo per i traumi), perchè l’alcool potrebbe irritare ulteriormente la cute. Ottimo rimedio è invece APIS Homaccord della -Hell, nella formulazione in gocce, che si può assumere ogni ora (5-6 gocce) fino a che non passa il bruciore. Lo stesso rimedio funziona anche perfettamente per far guarire più velocemente fastidiose punture di insetti (solitamente zanzare, ma anche punture di api in soggetti non allergici). Sempre ottimo per le punture di insetti il TEA TREE OIL (distribuito da Named) di cui bisogna spalmare una goccia sulla puntura ogni 4-6 ore: in questo modo si proverà subito sollievo dal prurito e si accelererà il processo di guarigione. Abbiamo già indicato nello scorso articolo (a cui rimandiamo) alcuni rimedi per il sistema digestivo, qualora si esagerasse un po’ con i piaceri della buona tavola. Ricordiamo di utilizzare le ciabatte prima di entrare nelle docce pubbliche, ma qualora capiti di contrarre una verruca, la pomata HYPERICUM PERFORATUM della Unda, spalmata tre volte al giorno quando la lesione è ancora piccola, la arresta, facendola seccare e provocandone il naturale distacco, lasciando la cute libera. A tale proposito, se la lesione è invece più grande, rimandiamo ai messaggi pubblicati sul forum a proposito delle verruche e dei metodi “artigianali” per affrontarle, all’indirizzo: http://www.solaris.it/Solaris/forum/cancro//wwwboard.html Per coloro che sono soggetti a otite dopo un bagno in mare o in piscina, possiamo consigliare OTI-DOLO gocce della Pekana, 10 gocce fino a 6 volte al giorno, in attesa di poter consultare un medico se i sintomi persistono. Infine, per le signore che hanno disturbi di circolazione e d’estate soffrono per il gonfiore degli arti inferiori, possiamo consigliare LYMDIARAL gocce della Pascoe, 15 gocce tre volte al giorno; inoltre possono spalmare su caviglie e polpacci HAMAMELIS pomata della -Heel, fino a tre volte al giorno, avendo l’accortezza di non esporsi subito direttamente alla luce del sole, per evitare possibili reazioni e pigmentazioni antiestetiche della cute. Augurando a tutti di non avere bisogno di questi consigli e sperando che in caso di bisogno siano sufficienti ad assicurarvi BUONE VACANZE L’autore non si assume alcuna responsabilità per il fraintendimento dei suddetti suggerimenti terapeutici: l’articolo è rivolto a tutti nell’ottica di curare a livello sintomatico piccoli disturbi in attesa di rivolgersi a un medico di propria fiducia, esperto in terapie non convenzionali, per la soluzione del caso dal punto di vista causale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here