Estetica, resistenza e biocompatibilità con la metodica CEREC®.

I metalli sono stati spesso utilizzati in odontoiatria perché offrono un’elevata resistenza anche se fusi in piccoli spessori, come è necessario in tutti i lavori odontoiatrici, che devono sopportare il peso del carico masticatorio: si calcola che la mandibola con la muscolatura connessa sia in grado di sviluppare una forza di 300 chilogrammi per centimetro quadro. Se la resistenza offerta dai metalli è ottimale, al contrario la resa estetica è pessima, ma soprattutto la presenza di metallo in bocca può originare correnti elettrogalvaniche con fenomeni di corrosione e alterazioni dell’equilibrio orale; alcuni amalgame dentarie contengono poi metalli altamente tossici come il mercurio. La CEE ha avviato un piano di eliminazione dei prodotti che contengono mercurio (persino i termometri per la febbre!), eppure molte persone portano in bocca questo veleno: per rimuovere le otturazioni in amalgama è consigliabile seguire precise misure di sicurezza, appositamente studiate per ridurre al minimo i rischi per la salute di medico e paziente. Il VegaTest Expert ® permette di verificare la presenza e la rilevanza delle correnti endorali di restauri metallici.

Si possono anche ricercare eventuali intossicazioni da metalli pesanti (in particolare mercurio, presente nelle otturazioni in amalgama): si tratta di un esame non invasivo, assolutamente indolore, semplice, veloce e altamente affidabile; per ulteriori informazioni si può consultare il nostro articolo (clicca qui)dedicato al VegaTest. Una volta stabiliti i restauri metallici da eliminare è necessario avere a disposizione un materiale in grado di garantire nel tempo estetica, resistenza e biocompatibilità per i restauri protesici; per molto tempo l’odontoiatria biologica è dovuta scendere a qualche compromesso utilizzando i materiali compositi, caratterizzati da estetica ottimale, biocompatibilità discreta, ma condizionati da una resistenza davvero minima all’usura e soprattutto alla frattura. Con la metodica CEREC® (ceramica integrale) abbiamo smesso di combattere ogni giorno con i limiti dei vecchi materiali metallici e si sono aperte opportunità fino a poco tempo fa ritenute semplicemente impossibili. Il sistema CEREC ® consiste di un dispositivo di acquisizione del dente da ricostruire, un software di progettazione tridimensionale e una molatrice computerizzata.

Queste tre componenti permettono di realizzare un restauro in ceramica integrale estremamente preciso e resistente. A differenza delle vecchie metodiche che prevedevano l’utilizzo di uno “scheletro” metallico di sostegno, una corona o un ponte in ceramica integrale vengono realizzati completamente in materiale estetico. Questo grazie soprattutto all’affinamento della tecnica che ha portato precisione e semplicità di realizzazione (con notevole abbattimento dei costi e dei tempi di lavorazione) e all’introduzione di nuovi materiali, estremamente resistenti e affidabili. Il materiale ceramico viene realizzato industrialmente in blocchetti per garantire qualità e resistenza meccanica ottimale in relazione alla durezza dello smalto: resiste agli acidi della bocca, non si decolora con il tempo e i casi di rottura sono estremamente rari. A differenza di altri materiali irritanti, la ceramica integrale rispetta i tessuti ed entrambi si integrano in modo simile al dente naturale; per questo si possono ottenere ottimi risultati in tutti quei casi di infiammazione gengivale dovuta a materiali non biocompatibili.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here