Il canino ritenuto

E’ piuttosto frequente dover intervenire per estrudere uno o tutti e due i canini, in genere superiori che non si presentano all’ epoca dell’ eruzione normale: cioè all’ incirca all’ età di 12 anni nei nostri ragazzi. L’ inclusione può essere palatina, cioè il dente è situato nel palato o nella zona alveolare anteriore, cioè nella zona della gengiva labiale.

Può anche presentarsi il caso, dopo la caduta del canino di latte che lo spazio sia stato occupato dall’ incisivo laterale. Da un punto di vista ortodontico, previ esami radiografici, tipo ortopantomografia (panoramica) ed altro, se necessario, si applica un apparecchio per recuperare lo spazio e poi, si intercetta il canino permanente per riposizionarlo nella sua sede fisiologica. Fin qui l’ intervento del dentista allopatico, ma il dentista olista andrà più a fondo e cercherà di capire il significato di questo reperto.

Il canino è associato alla sessualità e quindi all’ aggressività: si presenta al momento della maturazione sessuale. E’ associato all’ aggressività che significa difesa del territtorio, del cibo e quindi della lotta per la sopravvivenza.

Il nostro adolescente non vuole accettare il passaggio all’ età adulta, non vuole abbandonare l’ infanzia, non vuole entrare nell’ agone della vita.

I fiori che possono aiutare questo passaggio:
– Honeysuckle
– Clematis
– Larch
– Crab Apple in particolari situazioni ….la sessualità come peccato, in alcuni casi di rifiuto della propria omosessualità latente

Dal libro:
“Odontoiatria e Fiori di Bach”, di E. Castagnari

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here