Meno nutriente il latte delle mamme che fumano

Il latte della mamma che fumano in gravidanza è meno nutriente. Lo rivela una ricerca condotta su 95 donne seguite nei primi sei mesi successivi al parto, insieme ai loro bambini, dall’équipe del dipartimento di Pediatria dell’ospedale San Paolo di Milano, diretto dal prof. Marcello Giovannini.

Secondo lo studio, che sarà pubblicato sul numero di novembre dell’European Journal of Clinical Nutrition, il fumo in gravidanza riduce il contenuto di grassi polinsaturi nel latte, compromettendone l’apporto di nutrienti essenziali al neonato nei primi mesi di vita.

L’analisi dei lipidi del latte materno ha dimostrato, infatti, che quello delle fumatrici contiene soprattutto meno acido docosaesaenoico (DHA): dal loro unico alimento questi piccoli ricevono, quindi, una dose ridotta di un componente fondamentale per la crescita. Infatti, il DHA, un acido grasso della famiglia Omega 3, assente nel latte vaccino, “è un importante costituente – spiegano i ricercatori – delle membrane cellulari di organi altamente specializzati, come il cervello a livello sinaptico e la retina, che nei primi mesi di vita completano il loro sviluppo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here