Uno studio del British Medical Journal

I bambini allattati al seno hanno un rischio di diventare obesi di due-tre volte inferiore rispetto ai bambini che non sono mai stati allattati al seno – ha affermato il dott. Carlo Agostoni, del Dipartimento di pediatria dell’Ospedale San Paolo di Milano, nel corso del suo intervento alla IX Conferenza Europea sulla Nutrizione, conclusasi nei giorni scorsi a Roma. Agostoni ha citato uno studio europeo (Von Kries et al, BMJ 1999) condotto su 9.357 bambini di 5-6 anni, il quale ha dimostrato che più lungo è il periodo di allattamento al seno minore risulta il rischio di sviluppare stati di sovrappeso e obesità durante l’infanzia e l’adolescenza, sebbene non si elimini il rischio connesso ai fattori genetici. La spiegazione di tale meccanismo è da ricercare nel ruolo delle proteine nei primi due anni di vita del bambino, ruolo recentemente rivalutato proprio alla luce delle numerose osservazioni che legano l’allattamento al seno prolungato alla prevenzione degli stati di sovrappeso nell’infanzia e nell’adolescenza. Il latte materno fornisce una quantità di proteine molto limitata, mentre il latte artificiale ne contiene una quantità maggiore.

L’apporto di proteine durante il secondo anno di vita è stato collegato anche a una iniziale adiposità e a un progressivo sovrappeso. La base biologica di questo fenomeno è tuttora oggetto di ricerche. E’ noto comunque che il latte artificiale, paragonato all’allattamento al seno, provoca un innalzamento dei livelli di aminoacidi nel sangue e un aumento della secrezione di insulina. Altri possibili mediatori sono il fattore di crescita 1 simile all’insulina e la leptina, presenti nel latte materno. Le raccomandazioni pratiche alla luce di queste considerazioni, in attesa di risultati scientifici più completi, sono dunque di allattare al seno durante i 12 primi mesi di vita e mantenere un giusto apporto di proteine nei primi due anni di vita, con piccole quantità di cibi di origine animale e grandi quantità di cereali, verdura e frutta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here