La maggior parte delle persone evacua quotidianamente: si parla di stipsi quando passano alcuni giorni senza movimenti peristaltici e le feci sono molto dure.

La costipazione è un disturbo molto frequente e diffuso: ne soffrono il 35 % delle donne che lavorano fuori casa e il 10% degli uomini. Il 25% di questi usa regolarmente lassativi. ALIMENTAZIONE Il cibo deve contenere non solo proteine, carboidrati e grassi, ma per essere salutare deve contenere anche una giusta quantità di fibre. Le fibre, come la cellulosa, sono sostanze parzialmente indigeribili che facilitano il passaggio del cibo attraverso l’intestino, ne permettono un facile scorrimento e lo mantengono morbido ed elastico. Gli alimenti che aiutano l’intestino nelle sue principali funzioni, facilitando il processo di digestione e assimilazione sono tutti quelli che contengono fibre: Cibi integrali (pane, pasta, riso, biscotti, ecc,) Verdure Frutta fresca FITOTERAPIA Possono ulteriormente aiutare alcune erbe, come: Menta + Malva, per una stitichezza occasionale. Ispaghul, per una stitichezza cronica Ispaghul + Senna, per una stitichezza ribelle PSICOLOGIA La stitichezza cronica si manifesta soprattutto in persone con ansia e depressione, che sono interiormente tese nonostante una apparente tranquillità. L’atteggiamento interiore può essere schematizzato in una sorta di paura di perdere ciò che si ha. Freud parlava di una triade comprendente ostinazione, metodicità e parsimonia, che estremizzate possono diventare intolleranza, pedanteria e avarizia. La stitichezza cronica può essere il risultato di una reazione di protesta – durante l’infanzia – ad un addestramento al vasino eccessivamente insisitente. Il Training Autogeno può essere molto utile fornendo alla persona gli strumenti per “lasciarsi andare”. Se questa terapia non dà gli effetti sperati, sono indicati colloqui psicoterapeutici orientati al sintomo, che danno ottimi risultati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here