Su di un transatlantico che sta portando in “America” emigranti alla ricerca di un sogno da realizzare un bambino viene abbandonato dal padre e dalla madre dentro una scatola

Il bambino viene accolto da un marinaio che decide di tenerlo e di chiamarlo Novecento. Un pò per volta tutto il personale della nave si affeziona al bambino persino il capitano. Un giorno il capitano decide che e’ giunto il tempo che Novecento scenda dalla nave. Il principio paterno afferma che al tempo giusto va bene staccarsi dalla madre, ma Novecento si rifiuta e si nasconde. Passa del tempo e Novecento scopre un pianoforte nella nave e con esso il suo talento artistico. La sua musica bellissima e struggente conquista tutti quelli che l’ascoltano e la sua fama si diffonde in tutto il mondo. Novecento riceve moltissime proposte di lavoro ma lui le rifiutera’ con fermezza. Persino un grande musicista vuole incontrarlo e sfidarlo e Novecento in uno scontro memorabile distruggera’ il rivale dimostrando di essere il migliore. Ma allora perche’ un grande musicista, forse il piu’ grande del mondo nonostante tanto sostegno e tanto successo non vuole che la sua musica si diffonda nel mondo? Perche’ non vuole che la sua musica sia incisa? Perche’ rifiuta l’incontro con l’amore? Possiamo accontentarci della risposta che il regista ci da quando Novecento alla fine della sua vita comunica al suo amico trombettista le ragioni del suo no!? La paura di cio’ che non ha limiti, la paura di cio’ che non ha visto.

E che cosa non ha visto? Noi possiamo pensare invece che Novecento non abbia voluto scendere dalla nave perche’ non ha saputo e voluto superare la ferita dell’abbandono. Novecento e’ stato abbandonato dentro una cassetta di legno dal padre e dalla madre. Ha vissuto i primi momenti della sua vita in un ambiente rumoroso, soffocante eccessivamente caldo. Anche Edipo e’ stato abbandonato dal padre e dalla madre e nella tragedia sappiamo che da grande si vendica uccidendo il padre, mettendo la madre in condizione di uccidersi e poi si acceca. Novecento invece si vendica essenzialmente su se stesso rifiutandosi di accogliere la vita e di nascere al suo talento , all’amore , alla vita. Lui non vorra’ mai spiccare il volo, sarà sempre trattenuto da quella nave e la sua vita resterà un sogno irrealizzato. Non “nascerà” mai. Neanche l’amore per una donna e la possibilità di una vita con lei lo aiuteranno a scendere da quella nave. E’ vero, è arrivato al mondo senza accoglienza ed ha subito un trauma, la vita gli ha fatto un torto, ma è anche vero che ha ricevuto molti doni, nessuno di loro è stato sufficiente per dargli la spinta ed alimentare il desiderio di esserci , di rischiare, di dire: “ne vale la pena”.

Ha scelto la vita conosciuta in quella nave, le leggi di quella nave, la sicurezza di quell’utero, ma ognuno di noi affrontando situazioni nuove, persone nuove entra in un altro mondo, nel diverso, è un rischio che ogni volta si sceglie o no di correre. Ogni cosa nella vita ha un suo tempo e un suo luogo, nove mesi di vita intrauterina sono necessari perché il feto si sviluppi, dopo i quali l’utero diventa una tomba. La scelta di restare sulla nave fino alla sua demolizione può essere letta come il bisogno per Novecento di fortificarsi prima della separazione, ma la separazione dalla nave, dalla madre, va fatta e restare vuol dire uccidesi. Infatti come si deve interpretare la decisione di Novecento di rimanere sulla nave nonostante la dinamite? E che cosa rappresenta la dinamite ? Per noi la dinamite e’ l’odio profondo che Novecento prova nei confronti di se stesso e della madre. L’odio che prova e’ cosi’ forte e la sua decisione cosi’ radicata che non verra’ modificata dall’insistenza dell’amico trombettista che lo spinge verso i suoi sogni. L’Io-Persona e’ un artista in continuo dialogo con il Se’ che e’ il nostro artista interiore. Novecento e’ un artista ed anche il trombettista e’ un’altro artista. L’Io-Persona può entrare in dialogo creativo con il Se’ o con il progetto di vendetta. Novecento scegliera’ la vendetta e non nascera’ . Con la sua teomania Novecento cercera’ d’ appartenere solo a se stesso, ma i nostri talenti, i nostri doni non appartengono a noi soltanto sono un patrimonio del mondo intero ed e’ un nostro diritto, ma anche un nostro dovere donare noi stessi al mondo. Tutto il dolore, la violenza , l’atrocita’ non possono giustificare la non vita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here