…e se fosse un’intolleranza alimentare?

Quando l’organismo rifiuta un alimento manda alcuni messaggi in codice: emicrania, gonfiore, prurito, ecc……….
Se l’organismo è intollerante ad un alimento, cioè non lo assimila bene, le sue tossine rimangono in circolo insieme alle sostanze che il sistema immunitario produce per eliminarle. Con il tempo si accumulano, provocando una “ribellione” nell’ organismo che comincia a manifestare diverse forme di malessere. La reazione può manifestarsi dopo giorni, mesi o anni. Ecco i disturbi che possono essere frutto di un’ intolleranza:
CEFALEA, EMICRANIA e NEVRALGIE
ASMA, RINITE e CONGIUNTIVITI
SOVRAPPESO,OBESITA’ e CELLULITE
DIGESTIONE DIFFICILE, INTESTINO PIGRO e METEORISMO
MICOSI e CANDIDA
VERTIGINI, INSONNIA ed AGITAZIONE NOTTURNA
ALTRO

Arrivare a capire quali sono i cibi che creano problemi non è difficile, infatti esistono appositi test che possono mettere in evidenza le intolleranze alimentari di cui eventualmente si soffre.

Attraverso il TEST EAV (Elettro Agopuntura Voll), metodo di misurazione organometrica, che per mezzo della valutazione bioelettrica dei punti di agopuntura, la valutazione dell’alimentazione secondo i GRUPPI SANGUIGNI e una chiara e simbolica lettura dei sintomi psicosomatici e possibile riportare l’organismo ad un migliore equilibrio, cambiando per un determinato periodo le proprie abitudini alimentari e riarmonizzando gli stati emotivi con lausilio della floriterapia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here