Anche su Internet – come già sulla carta stampata – la richiesta di argomenti e tematiche che si rifanno al filone New Age sembra aumentare.

La scelta coraggiosa di tanti che come Solaris hanno “aperto” il loro spazio per parlare al cuore del popolo dei Cybernauti è una scelta che sta già premiando molti siti interessanti (vedi LINK). Dire “coraggiosa” non è una semplice autocelebrazione, ma risponde ad un dato a molti noto ed evidente: Internet è un regno di informatici, di telematici, di cybernauti tecnologizzati e che comunque hanno una pur minima dimestichezza con modem, software, protocolli TCP, ecc. Un popolo di persone che hanno un’istruzione superiore (così dicono i sondaggi) e che sicuramente non temono il computer e la tecnologia, ma semmai ci convivono più o meno tranquillamente. Solaris, come tanti altri siti di Qualità della vita o di New Age, parla di argomenti che per molte persone se proprio non sono incompatibili con l’informatica e la telematica, sicuramente poco ci manca. Eppure questa scelta pian piano si sta rivelando corretta. Dietro e sotto la pelle dell’impiegato della società di informatica o di marketing, c’è un amante della natura, preoccupato della salute ecologica del pianeta, attento ai propri ritmi biologici e psicologici: una persona che anche se non si riconosce pienamente nel filone New Age, sicuramente in parte lo condivide.

L’Era dell’Acquario sta raggiungendo quella “massa critica” – per usare un termine celestiniano – tale che è percepita a vari livelli ormai dalla maggioranza delle persone. Le prime ad accorgersene sono state le Aziende che hanno riversato sul mercato un’infinità di prodotti adatti al consumatore “ecologico e spirituale”, magari riciclando solo l’etichetta della confezione aggiungendovi l’effige di una pianta officinale. Ma non ha molta importanza stabilire chi è arrivato per primo e chi invece ha solo recentemente cambiato etichetta al proprio shampoo. Quello che è più importante è che il bisogno di un nuovo modo di intendere le relazioni, il rapporto con la propria vita, gli affari (certo, anche il businnes), sta invadendo le nostre anime, anche grazie ad Internet. Internet è un nuovo modo di comunicare: ma non solo come strumento. E’ un nuovo modo di essere. Un merito che va riconosciuto al popolo di cybernauti è quello di aver inventato e realizzato anche un modo qualitativamente diverso di comunicare. I messaggi che viaggiano alla velocità della luce (?) trasmettono una sostanza diversa del messaggio.

Dietro ad ogni mail, nascosto dietro alle parole sul monitor, c’è una persona nuova. La stessa che lavora tutto il giorno, ma che non appena riceve e apre la posta, si illumina come un bambino. Risponde ansioso di trasmettere la gioia di aver ricevuto un messaggio, di non essere dimenticato e perso nell’oceano della rete. La rete Internet è planetaria, eppure non è immensa quanto l’oceano di solitudine che ognuno di noi si porta dentro. Per quanto grande sia Internet, avere un nickname, ricevere un mail, parlare al proprio newsgroup, è un modo di sentirsi vivi e di possedere un’identità (anche inventata) che magari anche solo nel piccolo luogo di lavoro ci manca. Internet non è grande quanto il bisogno di comunicare, di sentire una presenza, di dare e ricevere contenuti autentici. Può sembrare paradossale che chi abbia tanto bisogno di relazioni, poi si rivolga ad un mezzo telematico che può apparire freddo, distaccato, asettico. Eppure non è così. Inviare un mail significa porre uno sforzo cosciente per dare alle parole il contenuto che effettivamente desideriamo comunicare. Uno sforzo cosciente che quotidianamente dimentichiamo di porre nelle nostre relazioni reali costantemente malate e nevrotizzate. Il monitor e la rete sono già sufficientemente protettivi, e questo ci consente nei mail di abbandonare le consuete resistenze e di abbandonarci al nostro desiderio profondo di relazioni autentiche

CONDIVIDI
Articolo successivoCurare la Psoriasi: nuove possibilità con il Laser
mm
Direttore dell'Istituto Solaris - Sophia University of Rome. Allievo del Prof. Antonio Mercurio. Psicologo, Psicoterapeuta, Antropologo cosmoartista, Counselor Trainer della FAIP Counseling. Ha scritto otto libri, centinaia di articoli per molte riviste, tenuto numerose conferenze e partecipato a molti congressi nazionali e internazionali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here