Possiamo solo viverlo…

Quella che segue è una lettera scritta per la mia compagna e una volta in piu desidero dirle che la amo. E’ stata scritta di getto, seguendo l’impulso interiore e solo dopo, nel rileggerla ho scoperto che avevo definito l’amore! Ed è appunto questo il motivo che mi spinge a pubblicarla, in essa sono riuscito a spiegare l’amore. Molti anni fà mi dedicai con grande interesse ad una ricerca su questo tema, all’epoca non esistevano i computers e mi costò una grande fatica…Consultai decine di enciclopedie e testi vari e sintetizzai la conoscenza accumulata con un breve pensiero poetico:
” Oh amore, energia pura, armonizzante e unitiva eterna e infinita, vera essenza della vita “.

Ritenni con questa breve poesia di avere riassunto le riflessioni sull’amore di tanti pensatori occidentali, da Empedocle di Agrigento a Sigmund Freud…
Ma c’èra qualcosa che non mi convinceva e non sapevo la ragione! Le loro dotte e interessanti dissertazioni erano carenti propio della cosa che desideravano con tanto interesse comprendere; L’AMORE! Non ho la presunzione di avere la stessa profondità di pensiero dei nostri grandi antenati, ma con grande sincerità vi dico che ho scoperto l’amore!
“A Rebecca Sono ancora vivo e finche avrò vita…
IO NON CI RINUNCIO A TE!
Sarà anche un errore, sarà anche energia sprecata,
sarà anche un inutile perdita di tempo.
Ma io non ci rinuncio a te!
Ti amo troppo per farlo e se lo facessi sarebbe come voler fermare un tornado soffiandoci contro un po di fiato, oppure cercare di fermare un terremoto sostenendo con le mani una parete che trema, oppure credere di poter spegnere il sole semplicemente chiudendo gli occhi. E’ piu forte di me, questa corrente è troppo forte, troppo impetuosa, non posso oppormi all’energia della vita. Essa mi parla di te, mi spinge verso di te, non posso oppormi e anche stamani devo dirtelo e devo farlo anche con la consapevolezza di qualcuno che ha capito l’amore…O l’accetti nella propia vita e se lo fai devi essere consapevole che amare significa anche soffrire, perche il propio piccolo io ha paura di scomparire di fronte all’amore che ti fa fondere con un altro io e con l’infinito io dell’universo. E non c’è cio che speravamo, cio che volevamo, cio che la piccola mente desiderava, non c’è perfezione! c’è solo amore, con le sue leggi e regole che esulano la comprensione. So che non ho paura di lasciarmi andare, so che non ho paura di amare! Io non ci rinuncio a te, se lo facessi rinuncerei all’amore e io
TI AMO”

Vi ho fatto leggere questa lettera con lo stesso spirito che animava forse Pierangelo Bertoli quando scrisse,

A Muso Duro
…non so se sono stato mai poeta
e non m’importa niente di saperlo
riempirò i bicchieri del mio vino
non so comè però v’invito a berlo…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here