Il quarzo citrino è il cristallo solare per eccellenza, dà calore, gioia, allegria e sostegno attraverso il terzo chakra. E’ stimolante e porta energia nella vita e nella quotidianità materiale. Ottimo per combattere la depressione e l’autodistruttività.

Mitologia: con il termine “citrino” ci si riferiva fino al XVI secolo a parecchie pietre di colore giallo (berillo, zircone, etc.). Solo nel 1546, esso venne per la prima volta associato ai quarzi gialli. All’odierno citrino veniva attribuita la facoltà di fortificare l’intelletto e di fare emergere i sentimenti e le passioni dell’individuo. Sistema cristallino: trigonale. Processo litogenetico: primario. Classe minerale: ossidi, gruppo dei quarzi. Colore: giallo. Il citrino appartiene alla famiglia dei quarzi cristallini e il suo colore spazia dal giallo chiaro al giallo scuro. Spesso sul mercato si trova del “citrino” ottenuto riscaldando l’ametista o il quarzo affumicato a 500°; questo processo li porta a modificare il proprio colore in quello giallo. Tutti i citrini precedentemente riscaldati presentano una marcata tonalità di rosso e non presentano il pleocroismo, caratteristica dei citrini naturali. Terapia Spirito: promuove il senso della propria individualità, la sicurezza ed il coraggio di vivere. Rende dinamici e fa emergere il bisogno di cambiamenti, di nuove esperienze e di realizzare se stessi. Psiche: infonde gioia di vivere, aiuta a superare gli stati depressivi, a liberarsi dei pensieri opprimenti e rende estroversi. Mente: aiuta a rielaborare le proprie impressioni. Stimola il confronto con il prossimo, e contribuisce a comprendere il significato delle situazioni in cui ci si trova. A livello fisico stimola il processo digestivo e la funzionalità di stomaco, milza e pancreas. Attenua i sintomi del diabete allo stadio iniziale; rafforza il sistema nervoso. Deve essere tenuto a contatto con la pelle. In alternativa, può essere utilizzato come pietra meditativa. Scaricare sotto acqua corrente tiepida. Si ricarica ponendolo di notte in una drusa di ametista, oppure tra burattati di ematite e ametista.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here