Nel secondo mese di gravidanza, l’Anima continua a sentire il bisogno di distinguere il tempo (giorno/notte); inoltre, deve cambiare il proprio ritmo biologico, in quanto quello dell’Anima e’ diverso da quello del corpo.

Per favorire questo processo è necessario che i futuri genitori non frequentino luoghi dove regna l’energia pesante (fast food, discoteche etc.). Infatti, i suoni, i colori e le forme pensiero che si trovano in questi luoghi, contengono l’energia pesante che danneggia il corpo astrale del bambino. Anche il padre, oltre che la madre deve rendersi conto di aspettare un bambino e sentirsi per così dire incinto, in quanto l’Anima che sta costruendo il feto ha bisogno sia dell’energia maschile che di quella femminile. Mediante la milza l’Anima viene dotata di un orologio istintivo; questo accade prima che si formi il cuore. Il corpo si forma grazie ai 7 minerali di base di cui l’Anima sa di avere bisogno. Questi sono caratterizzati dal Fuoco che prende posto immediatamente per formare i chakra. Oltre al Fuoco ci sono l’Acqua e la Terra che, grazie alla loro alchimia, formano i nadi, i quali trasformeranno con le loro diramazioni, l’embrione in feto. L’Anima ha molti compiti da svolgere; uno tra i più importanti e’ quello di cercare di non imparare troppo in fretta dalle proprie guide, affinchè non metta le radici nel feto prematuramente, col rischio di un parto prematuro. Quando un Anima deve tornare, passa in rassegna tutte le sue vite passate e questo processo e’ molto intenso. Questo processo imprime nell’Anima le verità che sono assimilate nella memoria in profondità, in modo da servirsene nell’incarnazione attuale. Anche l’Anima ha la propria genetica: l’aura è formata da tante cellule che, essendo affini, si congiungono formando masse di energia di una certa densità, ampiezza e colore, che formeranno poi le caratteristiche dell’Anima. Morire è come nascere, nascere è come morire. Infatti, quando il bambino è nato, nei primi mesi di vita spesso ricorda la sua vita alla Scuola delle Anime e ricordando piange; ecco perché a volte non ci spieghiamo come mai un bimbo pianga senza ragione apparente. Il neonato, ricordatevi, non è una creatura sprovveduta, in quanto porta con sè un enorme bagaglio di esperienze.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here