Della Crescita Personale

La vera guarigione è sempre una guarigione del corpo e dello spirito che ci porta, quindi, ad una salute di fondo ed a superare veramente ciò che ci rende malati. E’ vero che si può guarire il corpo impiegando forti medicinali, tuttavia la sola guarigione del corpo non è una guarigione globale, ma è invece solo apparente o provvisoria. E’ solo una questione di tempo fino a che la malattia si ripresenterà nuovamente, diventando eventualmente cronica, oppure manifestandosi sotto altra forma. Infatti la causa della malattia non è stata eliminata e si trova ancora dentro di noi, magari sotto forma di colpa o di paura (che io ritengo siano le “colonne d’Ercole” della maggior parte delle malattie). La maggior parte degli uomini si basa su un punto di vista errato: crede che solo il corpo abbia bisogno di guarire. Anche se disponiamo di una tecnica perfezionata e di metodi sofisticati per il trattamento del corpo, sono sempre più numerose le persone che si ammalano. Sentiamo continuamente parlare di sintomi di malattie inspiegabili anche per i medici. Tuttavia, il corpo rende visibile e fa sentire soltanto ciò che accade nel corpo spirituale che è dentro di noi.

Ciò significa che siamo noi stessi che creiamo le cause della disarmonia nel corpo, agendo in modo contrario a quelle che sono le nostre reali esigenze, ovvero bisogno di pace e amore. Sono sempre più le persone che in quest’epoca presagiscono queste correlazioni: queste conoscenze trovano sempre più accesso alla coscienza dell’umanità. Per questo sono sempre più le persone che credono che sia possibile raggiungere una guarigione globale, che comprenda sia il corpo che lo Spirito e questa, è chiaro, non si esaurisce in ambito medico, ma ha degli importanti risvolti antropologici, culturali, giuridici, etici e religiosi. Si tratta di una realtà ben nota a chi abbia dedicato anche solo un po’ di studio alle implicazioni ideologiche di questo argomento ma che sembra finora sfuggita all’attenzione generale. Spesso i singoli sono tra i primi sostenitori e fruitori di tali pratiche, giudicandole, rispetto alla medicina ufficiale, più rispettose verso il malato, e anche più compatibili con la visione cristiana dell’uomo. Partendo dalla constatazione che la malattia è per chi la vive una “meditazione forzata”, che spinge ad interrogarsi sulle fondamentali questioni esistenziali, è inevitabile che essa rinvii alle concezioni culturali e religiose che danno risposta a queste domande.

La malattia schiude l’orizzonte alla riflessione sul significato della vita e può aprire alla ricerca del trascendente. Da un punto di vista etico, credo che chiunque promuova in qualche modo questo tipo di approccio alla malattia (ma, del resto, potrei dire alla vita stessa), sia tenuto all’osservanza di due principi fondamentali:

– rispetto della verità delle cose
– rispetto della persona

Rispetto della verità implica apertura alla ricerca, senso critico, sperimentazione; non contrabbandare per certo ciò che non lo è; non indulgere alla fantasia e all’occulto, non cadere nell’irrazionalità e nella mistificazione.

Rispetto della persona significa rispetto della sua ragione e della sua emotività, informazione adeguata, messa in guardia da ideologie totalizzanti, esclusione di rituali religiosi mascherati, difesa da frodi e truffe. Ed è in virtù di questi principi che ho deciso di condividere con altre persone, uomini e donne, questo mio cammino, per comunicare ciò che ho imparato in questi anni e per proporre alcune tecniche di consapevolezza e di crescita personale.

Esse fanno riferimento al “Paris Energy Method” (PEM), una disciplina di Crescita Personale elaborata da Paolo Oddenino Paris partendo da un insegnamento ricevuto dal suo Maestro. Fino al ’93 solo 300 persone conobbero questa tecnica, anno in cui Paris decise di rendere accessibile questa modalità ad un vasto pubblico e ne cominciò la diffusione creando contemporaneamente 10 Master. Da allora il PEM si è diffuso molto rapidamente in quanto la sua metodologia è semplice ed efficace e produce un cambiamento a livello energetico in modo dolce e naturale (ad oggi oltre 14.000 persone hanno frequentato almeno il seminario di 1° livello). Esso è un potente, raffinato e completo metodo di Crescita Personale che contempla una filosofia di vita, un modo diverso di rapportarsi a sé e al mondo, una serie di tecniche energetiche semplici ed efficaci che nascono dal considerare l’uomo in quanto nucleo energetico e considerarlo nella sua globalità, nonché la possibilità di una costante evoluzione attraverso un cammino strutturato secondo vari livelli di approfondimento Ma la straordinaria originalità consiste nella scoperta da parte di Paris, di posizione e funzione di 21 aree esterne al corpo fisico, che egli ha definito “Punti di Percezione” (P.

d.P.), ripristinando l’equilibrio dei quali si ottiene uno stato di benessere totale, sia fisico che psichico. La stimolazione di queste aree specifiche (P.d.P.) sollecita un cambiamento comportamentale rendendo la persona più coerente con la parte più profonda di sé, fatto che permette di rapportarsi meglio agli altri, di fare emergere potenzialità e abilità, maggior sicurezza e forza interiore, creatività ed energia. Stimola a vedere con maggior chiarezza e risolvere situazioni prendendo le decisioni giuste nel momento giusto e consente di ampliare le facoltà di percezione ed intuizione. Permette inoltre di scoprire quali sono i propri veri obiettivi, fatto determinante per l’equilibrio e la felicità di ciascuno. Paris infatti, durante i vent’anni di lavoro come psicoterapeuta, ha potuto comprendere che persone senza chiari obiettivi, o che ne perseguono di falsi o che sono impegnate nel raggiungere quelli di altri, vivono in condizione di profonda frustrazione e disarmonia che si manifesta con disturbi somatici, psicologici, comportamentali e sociali su cui il PEM interviene in ugual modo.

Pertanto esso favorisce l’accelerazione dei processi di autoguarigione di qualsiasi disturbo, ma questa è solo la naturale conseguenza di un cambiamento avvenuto a livello più profondo. Seguendo la disciplina del PEM si impara a vivere con la consapevolezza del Tempo Presente e a saper cogliere i doni che la vita ci offre in ogni istante, diventando protagonisti della propria esistenza. Cosa dire di più : per partecipare non occorrono predisposizioni particolari. E’ aperto a chiunque abbia la disponibilità a sperimentare e il desiderio di crescita, di consapevolezza e di ricerca interiore. Sono a disposizione di chiunque voglia saperne di più o voglia frequentare un seminario.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here