Sono stati resi noti i risultati della ricerca condotta dal Scientific Committee on Food della DG XXIV dell’Unione europea sulla tossicità o meno di cinque idrocarburi aromatici

benzene, toluene, xilene, etilbenzene e stirene, presenti negli alimenti, con particolare riferimento all’olio di oliva. Gli idrocarburi aromatici citati sono normalmente e ampiamente presenti nell’ambiente e possono anche essere presenti negli alimenti come costituenti naturali o come contaminanti. In quest’ultimo caso le percentuali di benzene riscontrate variano da 1 a 40 µg/kg nella carne, nel pesce e nella frutta, per salire a 150 µg/kg nel caffè e scendere all’1 µg/kg negli olii e nei grassi. Da 6 a 76 µg/kg nella carne, pesce, olii e grassi, latte e derivati con una punta di 350 µg/kg per il toluene. Lo xilene è presente in concentrazioni molto basse, al limite della determinazione (2µg/kg) con dei valori molto alti nel caffé (210µg/kg) e nel tè (500µg/kg). L’etilbenzene si trova nel pesce, nella carne, nell’olio e nei grassi. In alcuni tipi di formaggio e nell’uva moscato è presente con concentrazioni che variano da 70 a 1000µg/kg. Anche i dati riguardanti lo stirene mostrano valori elevati nel caffé (360µg/kg) e nella birra (200µg/kg). Pochi i dati riguardanti la presenza di tali idrocarburi nell’olio di oliva. Le conclusioni del Comitato scientifico della DG XXIV purtroppo sono state vaghe data l’esiguità dei dati a disposizione e la non paragonabilità dei valori ottenuti dovuta alla non uniformità dei metodi analitici adottati.Il Comitato ha concluso quindi il suo intervento ritenendo improbabile la tossicità degli idrocarburi esaminati per la salute umana. Ritiene invece più significativo il contributo di tali idrocarburi provenienti da altre fonti. Il Comitato scientifico raccomanda comunque l’avvio di ulteriori studi sull’origine di dette sostanze e l’uniformità dei metodi analitici adottati. Valeria Lai Test – Noi consumatori Periodico settimanale di informazione e studi su consumi, servizi, ambiente Anno 11 – numero 18 30 aprile 1999

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here