Il prana è l’energia vitale che tiene unito il nostro corpo.

Noi siamo fatti di energia – condensata a livelli diversi e pulsante a ritmi diversi – ma sempre e solamente energia in continuo movimento, che circola attraverso cellule, tessuti, muscoli ed organi, fluida ed armoniosa. Un dolore, una disfunzione, una malattia altro non sono che un blocco, un ristagno o una deficienza nel suo armonico fluire. E’ tempo di vacanze. In condizioni prive di situazioni che creano affaticamento, tensioni o stress l’energia scorre armonicamente in modo naturale, mentre è più difficile che questo avvenga ricominciando il solito tran tran della vita quotidiana. Noi sappiamo tutto questo, tanto che ogni anno, i fortunati che possono concedersi il meritato riposo, ritornano dalle vacanze con il buon proponimento di iscriversi ad una palestra, frequentare un’ associazione culturale o leggere più libri di un dato argomento, per concedersi spazi vitali anche durante gli impegni quotidiani. Spesso però i ritmi frenetici che il sociale ci impone, ci fanno accantonare noi stessi e lo stress riprende il sopravvento, ponendo le basi per successivi disturbi di vario genere. Non lasciamo che questo accada. Impegnamoci di più ad avere un buon rapporto con noi stessi, non lasciamo che il livello di guardia delle nostre difese sia superato dalla nevrosi di “non farcela a fare tutto”. Impariamo a “respirare il prana”, ci sono molti libri, scuole di Yoga e di Pranoterapia che possono insegnarci a farlo, – mentre stiamo ancora bene – non quando già nuovamente siamo stanchi e perdiamo il controllo della situazione salute. Impariamo a gestire l’energia, a farci terapia da soli per prevenire, più che per curare. Coccoliamo il nostro preziosissimo ed insostituibile organismo umano, perche’ sia sempre in perfetta forma.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here