Come conquistare il potenziale creativo degli inventori più geniali

Manager e persone di successo intraprendono le loro decisioni in maniera intuitiva, partendo dalla pancia. Studi e ricerche dimostrano che le decisioni intuitive sono più apprezzabili rispetto a quelle razionali analitiche. Purtroppo, l’uomo utilizza mediamente solo un 5% del suo potenziale di risorse cerebrali: ma ecco affacciarsi un metodo rivoluzionario che insegna come attingere al restante 95%.

Immaginate di navigare ogni giorno su internet, visitando però sempre le stesse pagine. Dei milioni di siti possibili presenti in rete, voi conoscete solamente questi tre. Ciononostante vi ritenete soddisfatti e pensate addirittura di avere il vantaggio di poter raccogliere da essi molta conoscenza. Questo parallelo ci indica il modo in cui amministriamo il nostro potenziale della mente: il 95% di questo potenziale resta inutilizzato e perciò inattivo.

Recenti ricerche hanno svelato che ogni uomo possiede la capacità di pensare come Einstein
L’uomo riceve consapevolmente un massimo di 16 stimoli al secondo, mentre il suo inconscio ne riceve fino a 100miliardi. L’inconscio costituisce, dunque, un inestimabile reservoire di informazioni e sapere. Tuttavia, pur essendo ormai riconosciuto che un grosso potenziale della mente non venga sfruttato, negli ultimi anni si è pensato molto poco all’elaborazione di metodi che consentano accesso a questa lodevole sorgente di conoscenza. Risulta piuttosto frustrante, quindi, continuare ad assistere alla limitatezza con cui l’uomo si serve del suo effettivo potenziale. Ma non sarebbe meraviglioso, se non addirittura geniale, se trovassimo accesso diretto a questa inesauribile biblioteca dell’inconscio e potessimo finalmente confrontarci e interagire con essa? Quanto più chiare sarebbero le nostre problematiche e facili le nostre decisioni? Eppure ciò è fattibile – e non già sotto ipnosi, ma bensì nella realtà quotidiana e in stato di assoluta veglia!

Un sogno che si realizza
La percezione intuitiva accoppiata alla comprensione razionale analitica, mette in moto una capacità decisionale che si concretizza nell’arco di uno schiocco di dita. La maggior parte delle persone non decide volentieri, perché ha paura delle conseguenze che queste decisioni potrebbero comportare. Per questa ragione esse vengono spesso procrastinate all’infinito diventando dei veri e propri rompicapo.

Lo studio dei fenomeni comportamentali ha potuto osservare che gli errori più ricorrenti dei manager non sono causati dalle decisioni sbagliate ma bensì dall’attesa, in altre parole dal “non decidere”.
L’arte di saper decidere per obiettivi giusti

Esiste attualmente una quantità di letteratura che argomenta il successo, suggerendo il modo migliore per raggiungere il più velocemente possibile i propri obiettivi. È evidente che con una sufficiente dose di impegno e di avidità, questi obiettivi, prima o poi, saranno raggiunti…Ma cosa succede quando questi obiettivi, così duramente conquistati, non procurano la felicità desiderata, chiedendo quindi di essere rimpiazzati da altri nuovi e forse ancora più grandi? E cosa, quindi, se la spinta non tende mai nella direzione giusta? Purtroppo, quasi l’80% delle persone si prospetta obiettivi sbagliati! I meno trovano la propria vocazione e la sprecano cercando di portare alla luce i loro “veri talenti”. È come se fossero su una nave diretta a Genova, quando il futuro che li riguarda si trova in Spagna. La maggior parte delle persone agiscono secondo il motto: provare e sbagliare. Si prova qualche cosa e se non funziona, ci si orienta semplicemente verso un altro obiettivo. Per fare questo occorre molta costanza e tenacia ed il dispendio energetico risulta enormemente alto; sarebbe molto più semplice, invece, conoscere anticipatamente soluzioni ed obiettivi, poiché si risparmierebbero molti tentativi a vuoto.

Nikolaj Tesla, inventore geniale dello secolo scorso, collaudava motori a livello mentale fino a che funzionavano e poi li realizzava. Prima di mettersi all’opera, egli aveva l’abitudine di “materializzare” l’invenzione di fronte al suo terzo occhio, per poi entrare con pensieri ed emozioni nel motore stesso, fino a sondarne il più piccolo ingranaggio. Con questa modalità, Tesla giungeva velocemente alla soluzione giusta, impiegando poca energia ed evitando molti passi falsi. Nondimeno, egli ha brevettato più di 100 nuove invenzioni.

In che modo sfruttare il rimanente 95% del potenziale di risorse della mente? Partiamo dal presupposto che ogni uomo racchiude in se tutto il sapere e che ciononostante, ne sia realmente consapevole solamente in piccola misura. Se esiste la possibilità di accedere all’intuito e tramite lo stesso canale anche all’inconscio, è possibile anche richiamare questo sapere alla coscienza. Dopo dieci anni di intensa attività di ricerca, è stato realizzato ciò che fino a poco tempo fa sembrava impossibile. Il dott. Franz Minister ha sviluppato ed elaborato un metodo chiamato CreativPower, con cui ogni individuo, in qualsiasi momento e per qualsiasi ragione, può richiamare la parte inconscia mediante la comprensione razionale analitica: un metodo rivoluzionario e fin ora sconosciuto, che consente di sfruttare appieno il potenziale di risorse della mente! Guadagnando accesso all’incommensurabile patrimonio dell’inconscio – e per suo tramite all’inconscio collettivo (così definito da C. G. Jung) – si è concretizzato un salto quantico della coscienza. Grazie a questo metodo accade una sincronizzazione degli emisferi cerebrali, ciò significa che l’emisfero sinistro (razionale analitico) e quello destro (immaginifico intuitivo), iniziano a lavorare contemporaneamente e in maniera sincronica. Questa nuova interazione permette di ricevere informazioni, per poi riordinarle ed elaborarle analiticamente.

Trovare le soluzioni giuste e le decisioni più appropriate
Se allenate il vostro intuito, sarete in grado di prospettare decisioni e verificarne già da subito le conseguenze future. Eviterete, in questo modo, di orientarvi verso direzioni sbagliate. Contemporaneamente, vi sarà possibile trovare soluzioni in tempi molto più brevi, nonché ideare invenzioni ogniqualvolta lo desideriate. Imparate ad allenare il vostro intuito stensionandovi più volte durante l’arco della giornata. Prendetevi del tempo per voi stessi ed allontanatevi dalla frenesia quotidiana. Molte buone idee capitano in situazioni di relax e di distacco: ad esempio durante una meditazione, un passeggiata, una doccia, o in mare. Se vi allenate con regolarità potete richiamare a voi l’intuizione in modo mirato ed in ogni istante. Immaginatevi mentalmente i vostri obiettivi, entrateci completamente ed esperiteli anticipatamente; nel frattempo prestate attenzione alle vostre emozioni e sensazioni. Sperimentate prima ogni possibile variante con la mente. In questo modo potrete evitare a priori errori inutili. Grazie all’accesso all’inconscio, è possibile riconoscere e modificare gli schemi di pensiero. La scelta della giusta professione, partner, cliente ecc, in futuro si rivelerà più facile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here