Introduzione veloce ad Hamer

Da più di dieci anni il dott. Hamer, oncologo tedesco, ha formulato le sue cinque leggi biologiche in cui correla la genesi e lo sviluppo delle malattie a particolari conflitti psichici: ogni “malattia” è parte di un programma biologico speciale e sensato della natura, dal punto di vista della filogenesi. All’Università di Trnava nel 1998 è stato verificato ciò che Hamer sosteneva da tempo: un evento inaspettato, drammatico e vissuto in un senso di isolamento provoca nell’essere vivente un conflitto biologico, che si evolve contemporaneamente sul piano psichico, cerebrale e organico. Le leggi di Hamer sono la condizione fondamentale per prendere coscienza che la responsabilità della salute è veramente solo nelle nostre mani: la fiducia nell’intelligenza infinita della Natura ci permetterà di eliminare il senso di impotenza di fronte alla malattia e di tornare alla guida dei processi di guarigione del nostro organismo. Nel forum Cancro e Psiche di Solaris, aperto a tutti e di carattere deliberatamente divulgativo, si getteranno le basi per la comprensione di queste leggi, illustrando in un linguaggio accessibile a tutti concetti finora riservati agli addetti ai lavori: la salute è un diritto di tutti e nulla è più meraviglioso della scoperta che tutto ciò che serve per ottenerla è già stato posto dalla Natura – sotto forma di programmi – dentro ognuno di noi.

La visione che scaturisce da queste conoscenze non desidera sostituirsi alla medicina ufficiale, quanto affiancarla e completarla, introducendo il malato come parte attiva del processo di guarigione. Allo stesso modo, non verrà proposta alcuna terapia alternativa a quelle ufficiali: il nostro scopo è cercare di contribuire a prevenire l’insorgenza delle malattie e dare i mezzi a tutti per affrontare lo stress che ne deriva nel migliore dei modi dal punto di vista psicofisico. Nelle malattie degenerative – in particolare il cancro – ciò che ostacola di più la terapia (qualunque essa sia) è la “cancrite”, cioè lo sconforto, la paura, la depressione, il senso di abbandono… che sconvolgono il malato posto di fronte alla diagnosi ineluttabile di un male che ti rode dall’interno e a cui apparentemente non c’è scampo. Diventare parte attiva nella propria guarigione può essere un elemento decisivo per il successo della terapia e può operare cambiamenti “miracolosi” nella vita delle persone. Ecco cosa intendiamo per “un nuovo concetto di salute fisica e mentale”: se ogni cosiddetta “malattia” è la risposta biologica sensata del cervello a uno stimolo psichico, allora potremmo quasi affermare che le “malattie” in senso stretto non esistono. Questo purtroppo è smentito dalla realtà quotidiana, perchè non tutti i conflitti biologici trovano soluzione; a questo punto la domanda che ci poniamo è: “Quanti di tutti i conflitti insoluti non sono stati affrontati e risolti solo perchè non si conoscevano o non si è data loro la giusta importanza?” Una volta venuti a contatto con questa visione, non ci è parso giusto tenere questo privilegio per noi: la vocazione a cui ci siamo sentiti chiamati è di studiare e divulgare questa nuova chiave di lettura, mettendola a disposizione di tutti quanti vorranno prestarci la loro attenzione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here