Il sistema nervoso dell’uomo e la capacità di apprendimento, caratteristica tipicamente umana.

Non è una ginnastica, né una forma di terapia o di riabilitazione, e neppure un sistema psicologico o filosofico. Il Metodo Feldenkrais® è un Metodo per l’apprendimento e l’auto-educazione attraverso il movimento che si rivolge alla globalità dell’individuo. E’ adatto e accessibile a tutte le persone, di qualsiasi età, preparazione e condizione fisica. E’ un metodo innovativo di lavoro su di sé che utilizza il movimento, il tocco e la conoscenza degli schemi motori. Il suo scopo, quindi, è quello di fornire strumenti di automiglioramento, per aumentare la qualità della vita attraverso la consapevolezza e l’esplorazione delle proprie risorse. Il Metodo Feldenkrais® mette in contatto le persone con le loro reali capacità e i loro obiettivi, attivando le potenzialità del sistema nervoso e dell’organismo, perciò può essere applicato in molti ambiti e contesti differenti. Il Metodo prende nome dal suo ideatore Moshe Feldenkrais (1904-1984), russo-israeliano. Fisico, ingegnere, studioso del comportamento e del funzionamento dell’organismo umano.

Egli scoprì che i nostri schemi di movimento possono essere modificati grazie alla stessa capacità, innata, che permette all’essere umano di imparare tutti i movimenti necessari alla vita.

Sviluppatosi intorno agli anni 50, il Metodo comincia a diffondersi in Italia a partire dagli anni ’80 ad opera di pochi insegnanti formatisi all’estero. Questi stessi insegnanti fondano nel 1987 l’AIIMF- Associazione Italiana Insegnanti Metodo Feldenkrais, un’organizzazione senza scopo di lucro. Nel 1988 vengono avviati, a Milano e a Roma, due corsi di formazione per insegnanti, conclusi nel 1992, che diplomano decine di insegnanti. A loro si deve un ulteriore impulso alla diffusione del Metodo in Italia e all’emergere dell’interesse del pubblico. Ai primi due corsi ne seguono altri: attualmente sono cinque le scuole di formazione quadriennale in Italia, con ordinamento didattico uniforme e accreditate dall’organismo internazionale di riferimento (European Training and Accreditation Board). Il metodo oggi è conosciuto e diffuso in Europa, Stati Uniti, Canada, Australia, Israele, Corea, Giappone e Sud America.

IL COMPITO DI UN INSEGNANTE
Il compito di un insegnante Feldenkrais è creare le condizioni favorevoli all’apprendimento e guidare le persone a scoprire: • come sviluppare fiducia nella propria innata capacità di imparare, diventando responsabili del proprio benessere
• che è possibile gestire il dolore e le limitazioni funzionali attraverso la consapevolezza e l’esplorazione di movimenti diversi da quelli abituali
• che il movimento può diventare più funzionale, leggero ed elegante nella vita quotidiana così come nel perfezionamento di una performance (artistica, sportiva, etc.)

BENEFICI DEL METODO
• efficienza, benessere e vitalità (miglior adattamento all’ambiente)
• maggiore libertà di movimento, ci si sente bene nel proprio corpo (la percezione di se stessi e del proprio schema corporeo si arricchisce)
• respirazione più libera, più adattabile
• armonia della postura: il corpo si rapporta meglio alla forza di gravità
• flessibilità (mobilità fisica, mentale e psicologica) • consapevolezza e capacità di riconoscere la propria organizzazione motoria (“se sai quello che fai, puoi fare ciò che vuoi”, M. Feldenkrais)
• i movimenti, una volta chiariti nella consapevolezza, diventano più “puliti”, armonici, eleganti: piacevoli per chi li compie e belli per chi li vede.
• maggiore fiducia in se stessi, (auto-accettazione), rispetto degli altri, autonomia (imparare ad aiutarsi da soli)
• migliore capacità di apprendimento in tutti i campi (imparare ad imparare)
• economia del movimento (connessione ottimale tra le parti del corpo, utilizzo di leve vantaggiose, coordinazione, impiego di forza proporzionale all’azione progettata, ecc.)
• prevenzione/Riduzione graduale/ eliminazione di sforzo e tensione superflui, dolore, etc.

“Quello che mi interessa ottenere non è la flessibilità del corpo, ma quella della mente”. Moshe Feldenkrai

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here