La Cosmoart e il senso della vita

Ascoltare un podcast vi salverà la vita…

Ascoltare e ascoltarsi con un podcast. Premesso che chi sta scrivendo è una grande fruitrice di mezzi telematici finalizzati alla propria crescita personale, voglio condividere con voi una riflessione in merito al tema dell’ascolto.

Nei miei spostamenti per raggiungere luoghi ed appuntamenti vari ho imparato a ‘sfruttare’ al meglio quello stesso tempo che altrimenti andrebbe perso, sprecato, rimpianto e imprecato!

E’ divenuta un’attività talmente utile e nutriente per me che rischio a volte di sperare di incappare in un bell’ingorgo stradale pur di finire di ascoltare un podcast interessante.

Qualche giorno fa ero appunto assorta nell’ascolto di un audiolibro (esistono applicazioni che offrono una buona quantità di testi formativi davvero interessanti, soprattuttto in lingua inglese) mentre ero alla guida della mia utilitaria nel traffico cittadino.

L’autore stesso leggeva con grande entusiasmo, passione e autenticità le parole che aveva messo nel suo libro per aiutare le persone a tirare fuori la loro creatività a partire dalla propria esperienza personale.

In quella mezz’ora di traffico ho capito varie cose:

1) il potere e la preziosità della condivisione della propria esperienza (dalla voce del diretto interessato se possibile);

2) la gratitudine per l’era in cui viviamo e i mezzi che ci offre;

3) la decisione personale di crescere ed evolvere, in ogni momento e in ogni situazione della quotidianità;

4) la conseguente responsabilità che ha il singolo rispetto alle proprie scelte e ai propri eventuali malesseri.

Nell’Antropologia Esistenziale sappiamo bene che “la Vita ci darà ogni giorno ciò di cui abbiamo bisogno” e questo è un insegnamento che, se davvero interiorizzato e fatto proprio, alimenta la nostra fiducia che tutto ciò che riceviamo è la cosa di cui davvero abbiamo bisogno.

Non sempre ciò che ci arriva è dolce e piacevole. A volte è difficile. Altre doloroso. Altre ancora spaventoso.

Ma è proprio in quei doni lì che si cela la possibilità di crescere, rinforzarsi e realizzare davvero noi stessi, nelle nostre migliori potenzialità.

Rimane però il tema della responsabilità: l’uomo è dotato di libero arbitrio e ha in ogni istante la libertà di decidere cosa fare con ciò che riceve.

Si può amare e si può odiare, si può costruire e si può distruggere, si può crescere e si può rimanere fermi nel dolore…così come si può imprecare nel traffico o si può decidere di utilizzare tutti i mezzi a disposizione per migliorarsi e fare davvero della propria vita una meravigliosa opera d’arte!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here